Notti d’Estate a Castel Sant’Angelo 2015: apertura prolungata con apertura del Passetto di Borgo, delle Prigioni Storiche, la Cagliostra e Stufetta di Clemente VII

26 giu

Notti d’Estate a Castel Sant’Angelo 2015: apertura prolungata con spettacoli, concerti e apertura del Passetto di Borgo, delle Prigioni Storiche, la Cagliostra e Stufetta di Clemente VII dal 2 luglio al 6 settembre 2015.

La manifestazione, giunta alla V edizione, apre a romani e turisti le porte del monumento per godere nelle serate d’estate di concerti e visite guidate. In occasione del novantesimo anniversario dall’istituzione del Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, un ricco programma di appuntamenti serali guiderà il visitatore in un viaggio tra arte, teatro, musica, cultura e sport, valorizzando ogni aspetto della storia bimillenaria del monumento.

  • Visite guidate notturne ed eventi compresi nel biglietto d’ingresso. Per le visite è consigliata la prenotazione telefonica
  • Dal 2 luglio al 6 settembre 2015, tutte le sere dalle ore 20.30 all’ 01.00 (ultimo ingresso alle ore 24.00), inizio eventi ore 21.30
  • MAGGIORI INFORMAZIONI

Dal 2 luglio al 6 settembre 2015 verranno aperti eccezionalmente al pubblico il Passetto di Borgo, un lungo e suggestivo camminamento di circa 800 m che collega il Castello ai Palazzi Vaticani, ricavato sulle mura che delimitavano la città leonina; le Prigioni storiche, anguste e buie celle che furono usate come prigioni dal Rinascimento sino all’Ottocento; la Stufetta di Clemente VII, un vero gioiello architettonico della prima metà del Cinquecento, sala da bagno dei Pontefici, uno dei rarissimi esempi di bagno rinascimentale; le Mole, il mulino risalente al tardo Cinquecento per la guarnigione di Castello.
Da quest’anno sarà visitabile anche la Cagliostra, ‘prigione di lusso’ destinata a detenuti di riguardo, che deve il suo nome a uno dei più famosi reclusi che vi abitarono, il Conte di Cagliostro. L’ambiente, così come i due camerini attigui, è interamente affrescato per mano di Luzio Luzi con scene e paesaggi di genere.
Oltre alle visite guidate è previsto un fitto calendario di eventi speciali che vedrà protagonisti delle “Notti d’estate a Castel Sant’Angelo” nomi di rilevanza internazionale per una serie di appuntamenti che spaziano dalla musica al teatro, dalla letteratura allo sport. A partire dal concerto inaugurale del 2 luglio con Luis Bacalov, che presenterà al pianoforte un originale programma attorno al tango, per finire il 6 settembre con la tromba di Fabrizio Bosso e la fisarmonica di Luciano Biondini. Tra questi due appuntamenti, altri 20 concerti coinvolgeranno, all’insegna dell’eccellenza interpretativa e della fruibilità all’ascolto, alcuni dei massimi artisti del panorama jazz e della musica classica.
In questa V edizione il teatro svolgerà un ruolo centrale con alcuni appuntamenti di eccellenza. Giorgio Albertazzi assieme alla Compagnia del Teatro Ghione proporrà le “Memorie di Adriano” venerdì 10 e sabato 11 luglio, uno spettacolo ormai diventato un vero e proprio classico, che non accenna a diminuire il suo fascino. L’attore Massimo Reale presenterà “Le parole degli Eroi” (5 luglio, con replica il 4 settembre), incentrato sulle lettere dei soldati al fronte durante la Prima Guerra Mondiale, mentre Alessio Boni sarà accompagnato dal musicista Rosario Fugà mercoledì 5 agosto in “Omaggio a Piero Ciampi”. Infine, il 19 agosto sarà il turno di Vincenzo Bocciarelli con “Solo l’amore resta” e il 28 agosto di Francesco Sala con “La mia Patria. Racconti della Grande Guerra”.
Il tema della Prima Guerra Mondiale sarà sviluppato anche attraverso due iniziative speciali: l’allestimento di alcune sale dell’Armeria con armi e cimeli della Grande Guerra e un focus speciale sulla figura di Armando Diaz e l’allestimento della mostra “Obiettivi in guerra: cronache di fotoreporter tra XIX e XX secolo”. Tema cardine di quest’ultima esposizione è la salvaguardia del patrimonio artistico durante il periodo bellico attraverso la narrazione diretta dei reporter di guerra. Sarà svelato al pubblico il ruolo fondamentale di Castel Sant’Angelo quale deposito di opere d’arte durante la Grande Guerra e, in seguito, anche durante la Seconda Guerra Mondiale.
Grande rilievo sarà dato al ruolo dello sport, con l’obiettivo di coinvolgere le fasce di pubblico più giovani. Il CONI sarà presente con diverse serate e la partecipazione di campioni olimpici, oltre all’Accademia Romana d’Armi – Scherma Storica di Roma che proporrà un viaggio nel passato attraverso esibizioni sui bastioni del Castello.
In occasione del 750° anniversario della nascita del Sommo Poeta, Castel Sant’Angelo ospita la Società Dante Alighieri, che curerà una serie di incontri/letture con dantisti di fama internazionale e proietterà nella Cappella dei Condannati i due filmati “Maratona infernale” e “Montagna infinita”, che ripercorrono rispettivamente i canti dell’Inferno e del Purgatorio.
Infine, un’attenzione speciale sarà riservata ai più piccoli grazie alla compagnia teatrale Jobel che proporrà “Il Castello del Tempo”, uno spettacolo interamente concepito per i bambini e i ragazzi.

  • Visite guidate notturne ed eventi compresi nel biglietto d’ingresso. Per le visite è consigliata la prenotazione telefonica
  • Dal 2 luglio al 6 settembre 2015, tutte le sere dalle ore 20.30 all’ 01.00 (ultimo ingresso alle ore 24.00), inizio eventi ore 21.30

IL PROGRAMMA SARA’ DISPONIBILE DOPO LA CONFERENZA STAMPA DI MERCOLEDì 1 LUGLIO 2015

Vedi anche:

Impressionisti e moderni e Impressionisti tête à tête: due le mostre sull’Impressionismo a Roma nell’autunno 2015

25 giu

Impressionisti e moderni e Impressionisti tête à tête: sono due le mostre sull’Impressionismo a Roma nell’autunno 2015, al Palazzo delle Esposizioni e al Complesso del Vittoriano.

Al Palazzo delle Esposizioni, Impressionisti e moderni presenterà 62 dipinti della Phillips Collection di Washington: con El Greco, Ingres, Delacroix, Goya, Courbet, Daumier, Manet, Cézanne, Degas, Van Gogh, Monet e Sisley, Bonnard, Braque, Gris, Kandinskij, Kokoschka, Matisse, Modigliani, Picasso, Soutine, Vuillard, Arthur Dove, Georgia O´Keeffe, De Staël, Diebenkorn, Gottlieb, Guston e Rothko, da ottobre 2015 a febbraio 2016.

Al Complesso del Vittoriano, Impressionisti tête à tête prevede oltre 60 opere dal Musée d’Orsay: con Edouard Manet, Pierre Auguste Renoir, Edgar Degas, Claude Monet, Frédéric Bazille, Camille Pissarro, Paul Cézanne, Gustave Caillebotte, Berthe Morisot, Mary Cassat, Georges Seurat, Armand Guillaumin, Marie Bracquemond, Eva Gonzales, dal 16 ottobre 2015 al 7 febbraio 2016.
Oltre sessanta i capolavori, tra cui spiccano il Balcone di Manet, la Lezione di danza di Degas, l’Autoritratto di Van Gogh, la Lettrice e Ragazze al pianoforte di Renoir e Donne di Tahiti di Gauguin.

MAGGIORI INFORMAZIONI:

  • Impressionisti. I protagonisti Complesso del Vittoriano Edouard Manet, Pierre Auguste Renoir, Edgar Degas, Claude Monet, Frédéric Bazille, Camille Pissarro, Paul Cézanne, Gustave Caillebotte, Berthe Morisot, Mary Cassat, Georges Seurat 26/09/2015 – 07/02/2016
  • Impressionisti e moderni. Capolavori dalla Phillips Collection di Washington Palazzo delle Esposizioni: in mostra El Greco, Ingres, Delacroix, Goya, Courbet, Daumier, Manet, Cézanne, Degas, Van Gogh, Monet e Sisley, Bonnard, Braque, Gris, Kandinskij, Kokoschka, Matisse, Modigliani, Picasso, Soutine, Vuillard, Arthur Dove, Georgia O´Keeffe, De Staël, Diebenkorn, Gottlieb, Guston e Rothko da ottobre 2015 a febbraio 2016.

Vedi anche:

Le Case Museo di Roma

24 giu

Un itinerario inedito, adatto agli studiosi e ai semplici curiosi, ai turisti e ai romani è quello che ha per filo rosso le case d’autore. Scrittori, poeti, musicisti, artisti hanno vissuto più o meno lungamente a Roma lasciando tracce della loro vita e del loro lavoro in case, fondazioni e studi che oggi sono oggetto di un percorso turistico fuori dalle mete tradizionali.

Le case-museo della Capitale sono 11: Museo Hendrik Christian Andersen, Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, Museo Venanzio Crocetti, Casa-Museo Mario Praz, Casa di Goethe, Keats-Shelley House, Museo Casa Scelsi, Casa Museo Alberto Moravia, Casa Museo Luigi Pirandello, Fondazione Giorgio e Isa De Chirico, Studio del Pittore Francesco Trombadori. Tutte visitabili su prenotazione, sono illustrate in una brochure distribuita nei P.I.T. in italiano, francese, tedesco e inglese e scaricabile dal sito www.turismoroma.it.

La casa museo si può definire una abitazione trasformata in museo. Gli arredi, i libri, i ricordi e gli oggetti di uso quotidiano entrano a fare parte del percorso espositivo; gli ambienti ricostruiti in modo fedele permettono al visitatore di sintonizzarsi con il mondo dell’artista.

La nostra passeggiata inizia in piazza di Spagna. Al numero civico 31 è visitabile, dal martedì al sabato prenotando al numero 06 6796546, l’abitazione dove Giorgio De Chirico abitò dal 1947 alla sua morte nel 19.

Sempre piazza di Spagna ospita, al civico 26, la Keats-Shelley house, la casa dove il poeta romantico inglese John Keats morì nel febbraio del 1821, all’età di 25 anni.

A destra verso piazza del Popolo, al numero 18, ha sede la Casa di Goethe, dove il poeta visse durante la permanenza a Roma, insieme al pittore Tischbein.

La nostra passeggiata alla scoperta delle Case Museo prosegue verso la casa di Mario Praz (1896 – 1982) anglista e critico di rilievo internazionale. La Casa è raggiungibile, da via del Corso, con una breve passeggiata che attraversa la suggestiva piazza Fontanella Borghese.

Nel cuore di villa Borghese spicca il Museo Pietro Canonica; l’appartamento privato al primo piano, ricco di arredi pregiati e quadri dell’ottocento piemontese, l’aterlier dello scultore al piano terreno, le sale espositive, dove è possibile ammirare gran parte delle sue opere, un piccolo gioiello dedicato all’artista Pietro Canonica (1869-1959).

A Roma nord nel Museo Fondazione Venanzo Crocetti si conservano oltre cento opere tra bronzi, marmi, pietre, dipinti dello scultore Venanzo Crocetti (Giulianova 1913 – Roma 1998).

All’interno del Parco storico monumentale denominato Villa Strohl-Fern troviamo invece lo studio del pittore Francesco Trombadori (Siracusa 1886 – Roma 1961), figura di spicco della“Scuola Romana”.

Degne di nota sono inoltre la Casa Museo Alberto Moravia, appartamento dove visse lo scrittore dove si trova anche la sua Biblioteca personale; lo Studio di Luigi Pirandello, ultima dimora abitata dallo scrittore e la Casa Museo di Giacinto Scelsi, inaugurata come casa-museo nel 1996, conserva gli strumenti, il pianoforte e tutti i mobili del Conte d’Ayala Valva (1905-1988), conosciuto nel mondo musicale come Giacinto Scelsi.

A conclusione del nostro itinerario, un accenno alla casa museo dello scultore Hendrik Andersen (1872 –1940). Si trova in via Pasquale Stanislao Mancini 20, nelle vicinanze di piazzale Flaminio.

Fonte: TurismoRoma

Scarica la brochure

Vedi anche:

News Art in Museum Premium Price 2015: un contest allo Stadio di Domiziano

24 giu

News Art in Museum Premium Price 2015: un contest allo Stadio di Domiziano, Mostra-Concorso Internazionale aperta a Pittori Scultori e Fotografi.

L’immagine del gladiatore, lottatore, è rivisitato nel nostro contesto, con il muscolo tatuato di un uomo, in segno di forza, per vincere, per arrivare , per confermare, con l’arte, una realtà divisa e contesa attualmente nel nostro piccolo mondo pieno di paure. Desideriamo unire l’espressione libera dell’Artista per emergere e arrivare fuori i confini imposti tante volte dal sistema, in un momento di libertà .

Pittori, Scultori, Fotografi, Arti applicate, Incisori , Ceramisti , sono invitati a partecipare a questo evento, famosi e non famosi ma tutti con lo stesso obiettivo : dimostrare che l’Arte e la Cultura uniscono e integrano .
Non esistono frontiere per creare un mondo migliore ,colorato ,vero , come solo gli artisti, sanno interpretare e comunicare . Il momento storico, che vive l’Italia , con l’EXPO di Milano e il prossimo Giubileo è da considerarsi come magico, per chi cerca di cambiare il proprio status , migliorandolo ,cercando, nuove fonti e nuovi orizzonti.
Tutte le opere esposte nelle varie Gallerie , presenti nell’Evento e premiate dalla Giuria competente, saranno ammesse nelle sale espositive del prestigioso sito Archeologico Stadio Domiziano, per tutto il mese di Ottobre 2015.
NewsArtInMuseum ringrazia.

museum-face-book-page

La Venere dei Pescatori di Ostia

23 giu

Curiosità romane: la Venere dei Pescatori di Ostia.

Una mattina di giugno, passeggiando sulla spiaggia di Ostia, ci siamo imbattuti in una vera e propria visione: una divinità antica, ma colorata di contemporaneo, ha fatto la sua comparsa su uno dei simboli del degrado delle spiagge del Litorale Romano: il pontile interrotto all’altezza dell’ex-colonia Vittorio Emanuele. La “Venere dei Pescatori”, così è stata ribattezzata, sembra lanciare, con le sue cime colorate, un ponte tra passato e presente, tra mare e terraferma, quasi a contagiare con la sua bellezza il nostro territorio. E proprio questo, a giudicare dalle cime colorate che sono apparse, altrettanto improvvisamente, in altri luoghi del Litorale, pare essere il messaggio lanciato da Aevo, il misterioso autore di questa installazione stupefacente.

Altre cime le abbiamo trovate negli scavi di Ostia Antica, quasi che questa antica divinità emersa dalle acque volesse ricongiungersi ai luoghi da cui proviene.

Foto di: M. Patrignanelli, La mia Ostia, Lungomare di Roma
Fonte: visitostiaantica.org

Vedi anche:

Gianluigi Toccafondo e le splendide locandine del Teatro dell’Opera di Roma

17 giu

Curiosità: sapete chi è l’artista delle caratteristiche locandine del Teatro dell’Opera?
Gianluigi Toccafondo (San Marino, 1965) è un artista, animatore e illustratore italiano. Ha realizzato le locandine per gli spettacoli del Teatro dell’Opera per le stagioni 2014/2015 e 2015/2016, e per le Terme di Caracalla 2015.

Nato da padre ceramista, Gianluigi Toccafondo nasce a San Marino nel 1965.
Nel 1989 realizza il suo primo cortometraggio, premiato al Festival di Lucca dell’anno seguente. In seguito è regista insieme a Simona Mulazzani del corto La Pista che riceve una menzione speciale al Annecy cinéma italien e un premio al Festival di Treviso. Invece, il suo seguente corto, La Pista del maiale, autoprodotto, riceve una menzione speciale al Festival di Clermont-Ferrand nel 1994. È regista anche de Le Criminel (in italiano Il Criminale) prodotto per la francese Le Step e presentato nel 1993 alla 50ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e anche finalista al Cartoon d’or. Ha realizzato anche diverse sigle di programmi televisivi come per Tunnel, per Carosello nel 1997, Almanacco delle profezie e anche per la 56ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia; inoltre è stato creatore di spot pubblicitari come quello per la Sambuca Molinari, Avanzi e anche per l’azienda Fandango.

Ha poi diretto anche i cortometraggi La piccola Russia nel 2004, con cui ha vinto vari premi e candidature anche a livello internazionale e Essere morti o essere vivi è la stessa cosa nel 2000. Nel 1999 ha pubblicato solamente in Giappone un volume su Pinocchio, inedito in Italia fino al 2011 e recensito da la Repubblica. Nel 2008 gli viene dedicato un capitolo in un libro di Sabrina Perucca, pubblicato dalla Bulzoni editore. Ha scritto un libro nel 2012 per la Franco Cosimo Panini Editore intitolato Il nuotatore. È stato anche aiuto-regista per il film Gomorra di Matteo Garrone.

Come illustratore, ha lavorato per Einaudi, Feltrinelli, Mondadori, Fandango e altre case editrici; inoltre ha collaborato con riviste come Linea d’ombra, Lo Straniero e Abitare. Ha anche svolto alcune mostre a Parigi, Tokyo e in Italia.

Fonte: Wikipedia

Teatro dell’Opera di Roma: la stagione 2015/2016

17 giu

Teatro dell’Opera di Roma: ecco la stagione 2015/2016, con Terry Gilliam, Mario Martone, Emma Dante, e un’opera/camion che porterà spettacoli gratuiti nelle piazze di Roma.

Roma, 17 giugno – “È per me una grande emozione presentare la nuova stagione del Teatro dell’Opera di Roma. Un’occasione che ci permette di fare un punto, una sintesi del percorso fin qui fatto”. Lo ha detto il sindaco di Roma, Ignazio Marino intervenendo alla conferenza stampa di presentazione del cartellone 2015/2016 del Teatro dell’Opera di Roma, alla quale hanno partecipato il sovrintendente Carlo Fuortes, il direttore artistico Alessio Vlad e la direttrice del corpo di ballo Eleonora Abbagnato, e l’assessore alla cultura della regione Lazio Lidia Ravera.

Accanto agli allestimenti tradizionali e alle repliche dedicate a Gioachino Rossini e al bicentenario de “Il barbiere di Siviglia”, grande spazio avranno le coproduzioni di prestigio con registi innovativi, concerti, balletto e progetti per i giovani, con un occhio di riguardo alla ricerca e alla sperimentazione fino ad arrivare ad un vero teatro-camion che girerà le piazze delle periferie della capitale.
La stagione 2014/2015, ancora in corso, è stata per il Teatro una vera e propria rivoluzione con spettacoli che hanno fatto registrare il tutto esaurito e romani e turisti che affollano il Costanzi con sempre più partecipazione.

Anche per questo il prossimo cartellone allargherà i suoi orizzonti, rispondendo sempre di più alle richieste e ai desideri culturali contemporanei.

“Siamo tornati in pareggio in un anno e mezzo – ha detto Carlo Fuortes – e abbiamo azzerato i debiti della Fondazione grazie alla legge Bray. È possibile in poco tempo cambiare le cose se si fanno scelte importanti”.

Alle parole del sovrintendente si associano i risultati al botteghino del primo trimestre 2015, sottolineati dal sindaco: “grazie alla qualità della produzione, nel primo trimestre del 2015 abbiamo un venduto dei biglietti del 60% superiore rispetto all’anno scorso, pari a 1,8 milioni di euro in più. Un ottimo lavoro grazie a una straordinaria regia di Carlo Fuortes e a uno straordinario lavoro del Consiglio di indirizzo”.

La nuova stagione si aprirà il 27 novembre con “The Bassaridis” di Hans Werner Henze con la regia di Mario Martone. A Natale, poi, arriva una nuova versione dello “Schiaccianoci”, fortemente voluto dalla nuova direttrice del corpo di ballo, l’étoilé Eleonora Abbagnato, con la coreografia di Giuliano Peparini.

Ma i nomi in cartellone sono tanti: da Emma Dante con “La Cenerentola” di Rossini a Terry Gilliam che porta sul palco Benvenuto Cellini, Damiano Michieletto con il Trittico Puccini, Sasha Waltz con Dido and Aeneas e Christopher Wheelon coreografo per “Il Lago dei Cigni”.

Tra le novità contenute nella nuova stagione, l’opera – camion, un tir-palcoscenico che si muoverà in alcune grandi piazze romane offrendo spettacoli d’opera gratuiti. Un lato del camion si aprirà per diventare scena con canti e musica a cominciare da “Il barbiere di Siviglia” di Rossini.

E ancora, dopo il lastminute “Corri all’opera”, ecco una nuova promozione dedicata ai giovani: “Vietato ai maggiori di 26 anni”, sei spettacoli della nuova stagione a cui si potrà accedere con sol 15 euro o con un abbonamento di 80.

Altra grande novità è data dal cartellone dei “Concerti – Specchi del tempo”: nove appuntamenti, nove concerti sinfonici con un programma che crea un ponte ideale tra un autore classico, uno del Novecento storico e uno contemporaneo.

Lo spazio riservato ai giovani sarà poi ancora più ampio, grazie alla “Fabbrica dell’opera”, una scuola per affinare le capacità creative, un’accademia che per la prima volta riunisce laboratori e lezioni musicali e drammaturgiche, pratiche e tecnologiche. I docenti saranno musicisti, registi, scenografi, costumisti, scrittori, light designers, programmatori di nuove tecnologie.

E poi per la prima volta in Italia, una rassegna tutta nuova, dedicata alla nuova produzione internazionale di teatro musicale.

Fuortes ha poi voluto chiudere la presentazione della stagione parlando del Maestro Riccardo Muti: “la sua è una direzione onoraria del Teatro dell’Opera, quindi può essere decisa liberamente da entrambe parti. È a vita e quindi Muti rimane direttore onorario e questo ci riempie di orgoglio. Quest’anno non sarà presente, per gli anni futuri saremo sempre entusiasti, ma è una cosa che dovremo decidere insieme e, per adesso, non c’è nessuna decisione”.

Fonte: Comune di Roma

Leonardo da Vinci ai Musei Capitolini?

16 giu

Leonardo da Vinci in mostra a Roma nei Musei Capitolini? Questo lascerebbe intuire un post su Facebook della pagina ufficiale dei Musei Capitolini: l’inconfondibile sguardo del suo autoritratto e la scritta “coming soon”.

Anche un post del 12 giugno sulla pagina Facebook dei Musei in Comune farebbe pensare ad una prossima mostra dedicata al genio di Leonardo da Vinci.

L’Autoritratto di Leonardo da Vinci è un disegno a sanguigna su carta (33,5×21,6 cm), databile al 1515 circa e conservato nella Biblioteca Reale di Torino.

AGGIORNAMENTO: MOSTRA CONFERMATA DAL 23 GIUGNO AL 3 AGOSTO 2015

Vedi anche:

leonardomostraroma

La villa di Alberto Sordi diventerà un museo aperto al pubblico

16 giu

La villa di Alberto Sordi tra l’Aventino e Caracalla diventerà un museo aperto al pubblico: lo annuncia il Ministero dei Beni Culturali.

L’occasione giusta per aprire per la prima volta alla stampa la sua villa e annunciare che diventera’ un museo. A presentare il progetto sono stati il ministro dei Beni e delle attivita’ culturali e del turismo, Dario Franceschini, e l’attore e regista Carlo Verdone, presidente della Fondazione Alberto Sordi per i giovani, che fu creata dallo stesso Sordi nel 2001, due anni prima di morire, con lo scopo di facilitare l’ingresso nel lavoro di giovani talenti in difficolta’ economiche.

“Questa villa e’ un luogo misterioso che custodisce il mondo mitologico di Sordi, renderlo disponibile e’ una grande opportunita’ per tutti gli italiani”, ha detto Franceschini. I visitatori potranno quindi entrare nell’abitazione di piazzale Numa Pompilio, che “Albertone” teneva “come una fortezza”, ha spiegato Verdone, e ammirare i suoi quadri d’autore – tra cui tre De Chirico, ora in prestito alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna -, le lettere e i cimeli dell’artista, cosi’ come i saloni affacciati su Caracalla, lo studio colmo di premi, la barberia piena di specchi, la salateatro dove Sordi andava con Federico Fellini e Giulietta Masina.

La data della trasformazione in museo non e’ ancora certa: forse due o tre anni, ma quel che e’ sicuro e’ che sara’ un museo interattivo, con un percorso multimediale, “per tenere viva l’immagine dell’attore”, come stabilito dalla Fondazione istituita dalla sorella Aurelia nel 2011.

Fonte: Ministero dei Beni Culturali

Vedi anche:

Teatro Romano di Ostia Antica: la stagione estiva 2015

12 giu

Teatro Romano di Ostia Antica: la stagione estiva 2015.
Giorgio Albertazzi, Barbara De Rossi, e altri ancora per riportare IL TEATRO CLASSICO LATINO E GRECO nella sua cornice naturale.

Il  Progetto “ASPETTANDO LA LUNA”, partirà  il 9 luglio del 2015 con MEDEA di Anouilh, proseguimento della linea artistica tracciata da Pietro Longhi negli ultimi anni, cioè quella di riportare IL TEATRO CLASSICO LATINO E GRECO nella sua cornice naturale. La stagione proseguirà il 14 luglio con FEDRA di Seneca interpretata da Caterina Costantini, seguirà uno spettacolo KIRON CAFE’ tratto da Ovidio e quindi due allestimenti dei MENECMI di Plauto uno per la regia di Vincenzo Zingaro e un altro interpretato da Tato Russo (18 luglio e 1 agosto). Coreografie di Mvula Sungani e musica dal vivo nello spettacolo ODYSSEY il 22 luglio. GLI UCCELLI di Aristofane con ricco coro e danzatori per la regia di Claudio Boccaccini il 24 e il 25 luglio. La commedia menandrea LA DONNA DI SAMO con Pietro Longhi e Paolo Perinelli il 29 luglio e il 4 agosto ADELPHOE (I fratelli) di Terenzio con la regia di Silvio Giordani. Chiude la stagione il Maestro Giorgio Albertazzi con LE MEMORIE DI ADRIANO di Marguerite Yourcenar: testo ed interprete rappresentano un ottimo “continuum” tra passato presente e futuro.

STAGIONE 2015

  • 9 luglio 2015
    BARBARA DE ROSSI
    MEDEA di J. ANOUILH regia di Francesco Branchetti
  • 14 luglio 2015
    CATERINA COSTANTINI – LORENZA GUERRIERI
    FEDRA di SENECA regia di Silvio Giordani
  • 16 luglio 2015 KIRON CAFE’ da OVIDIO
    uno spettacolo di Aurelio Gatti
  • 18 luglio 2015
    I MENECMI di T.M. PLAUTO
    uno spettacolo di Vincenzo Zingaro
  • 22 luglio 2015
    EMANUELA BIANCHINI – MVULA SUNGANI PHYSICAL DANCE
    ODYSSEY
    musiche dal vivo di A. Mancuso
    regia e coreografie di Mvula Sungani
  • 24 e 25 luglio 2015
    FELICE DELLA CORTE – ROBERTO D’ALESSANDRO
    GLI UCCELLI  di ARISTOFANE
    regia di Claudio Boccaccini
  • 29 luglio 2015
    PIETRO LONGHI – PAOLO PERINELLI
    LA DONNA DI SAMO di MENANDRO
    regia di Silvio Giordani
  • 1 agosto 2015
    TATO RUSSO
    I MENECMI – La commedia degli errori
    da SHAKESPEARE e PLAUTO
    regia di Livia Galassi
  • 4 agosto 2015
    PIETRO LONGHI – FELICE DELLA CORTE
    ADELPHOE (I FRATELLI) di TERENZIO
    regia di Silvio Giordani
  • 6 e 7 agosto 2015
    GIORGIO ALBERTAZZI
    LE MEMORIE DI ADRIANO
    di Marguerite Yourcenar
    regia di Maurizio Scaparro

Vedi anche:

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 494 follower