Siamo donne: rassegna cinematografica gratuita per la mostra di Frida Kahlo

5 Mar

In occasione della mostra Frida Kahlo il Palazzo delle Esposizioni presenta:
SIAMO DONNE
rassegna cinematografica 
Palazzo delle Esposizioni – Sala Cinema
22 marzo – 13 aprile 2014
INGRESSO LIBERO

La personalità di Frida, travolgente e inafferrabile, ci suggerisce un viaggio cinematografico appassionante attraverso le esperienze di alcune grandi donne, per conoscere le scelte e le opere con le quali hanno inciso sul loro tempo e, accostando le loro storie, ricostruire il mosaico della moderna sensibilità femminile. Figure affascinanti, spesso tormentate, che il cinema ha contribuito a trasformare in icone popolari, grazie alle interpretazioni di attrici straordinarie. Cerchiamo, oltre il mito, le donne reali, Frida, Anna, Laura, Virginia… le loro identità profonde che, sempre ingabbiate dalla cultura dominante e dalle regole sociali, hanno lottato per emergere e affermarsi con slanci indescrivibili, cedendo talvolta all’evidenza intollerabile del dolore ma rendendo sempre universali le loro esperienze.

22 marzo, ore 21.00
FRIDA
Frida
di Julie Taymor. USA, Canada, Messico, 2002, 118′, v.o. sott. it.
Lo schermo è invaso dai colori dei quadri di Frida, nelle cui sofferenze e passioni si cala la splendida Salma Hayek, in simbiosi perfetta con il demone creativo della grande pittrice.

23 marzo, ore 21.00
INGRID, ISA, ANNA, ALIDA
Siamo donne
di Luigi Zampa, Gianni Franciolini, Roberto Rossellini, Luchino Visconti, Alfredo Guarini. Italia, 1953, 95′
Quattro divine – Bergman, Miranda, Magnani, Valli – interpretano se stesse in altrettanti episodi diretti da maestri del nostro cinema e, alle prese con la quotidianità, calano la maschera imposta dalla celebrità.

26 marzo, ore 21.00
EDITH
La vie en rose
di Olivier Dahan. Francia, 2007, 140′, v. it.
Una voce dalle mille sfumature che, dal soave al cupo, tocca il profondo del cuore umano, fino al suo strato più dolorosamente vivo, come la drammatica esistenza di Edith Piaf, eterna leggenda della canzone francese.

27 marzo, ore 21.00
GIOVANNA
La passione di Giovanna d’Arco
di Carl Theodor Dreyer. Francia, 1928, 92′, v. it.
Capolavoro assoluto della storia del cinema e apice della sperimentazione visiva di Dreyer, che fa affiorare sul primo piano della protagonista l’identità profonda e l’angoscia psicologica di un’anima martoriata.

28 marzo, ore 21.00
FRIDA
Frida, naturaleza viva
di Paul Leduc. Messico, 1986, 108′, v.o. sott. it.
Il matrimonio con Rivera e il legame con Trockij, l’arte, l’impegno e il dolore: frammenti di vita che scorrono come lampi fiammeggianti dai quadri di Frida, incarnata da Ofelia Medina, stella del cinema messicano.

29 marzo, ore 21.00
ISADORA
Isadora
di Karel Reisz. Gran Bretagna, 1968, 144′, v.o. sott. it.
La grande Isadora Duncan, eccentrica e rivoluzionaria danzatrice che spezzò la rigidità accademica, regalando al corpo femminile la libertà di esprimersi. Vanessa Redgrave eterea e sublime.

30 marzo, ore 21.00
MARILYN
Marilyn
di Simon Curtis. Gran Bretagna, USA, 2011, 99′, v. it.
Il sogno di tutta una generazione maschile si realizza in un ragazzo qualunque che incontra e ama la donna più desiderata al mondo, ma oltre la magia unica della sua bellezza scopre una dolente fragilità.

1 aprile, ore 21.00
MARIA
Callas forever
di Franco Zeffirelli. Italia, Francia, Gran Bretagna, Romania, 2002, 111′
Una raffinata finzione sul tramonto della grande soprano, che la strepitosa Fanny Ardant rende struggente nel ricordo della giovinezza fuggita, come la voce che la rese divina.

2 aprile, ore 21.00
LAURA
Lady Henderson Presenta
di Stephen Frears. Gran Bretagna, 2005, 103′, v. it.
La divertente storia vera della nobildonna inglese, nel cui leggendario teatro spopolavano quadri viventi di donne nude, unica oasi di pace per i soldati nella Londra dilaniata dalle bombe naziste.

3 aprile, ore 21.00
CATERINA
L’imperatrice Caterina
di Josef von Sternberg. USA, 1934, 104′, v.o. sott. it.
Il più affascinante tra i capolavori di von Sternberg con Marlene Dietrich, che riversa la sua sensualità sfrontata e inafferrabile nella grande imperatrice russa, centro di un mondo delirante di potere ed eros.

4 aprile, ore 21.00
SYLVIA
Sylvia
di Christine Jeffs. Gran Bretagna, 2003, 110′, v.o. sott. it.
Sylvia Plath, tra le più grandi scrittrici contemporanee americane, moglie del celebre poeta Ted Hughes, tradusse la consapevolezza del dolore di vivere in testi sconvolgenti, fino al tragico suicidio, a soli 31 anni.

5 aprile, ore 21.00
EVITA
Evita
di Alan Parker. USA, 1996, 135′, v.o. sott. it.
Sorprendente musical hollywoodiano, geniale nel sovrapporre l’icona pop contemporanea, Madonna, a una delle figure più celebri della politica del secolo scorso, ancora oggetto di venerazione popolare in Argentina.

6 aprile, ore 21.00
COCO
Coco avant Chanel
di Anne Fontaine. Francia, 2009, 110′, v. it.
Genio indipendente e raffinato, Chanel emancipò la donna con i suoi abiti rivoluzionari, rompendo il condizionamento del potere socio-politico maschile, che la immobilizzava solo in ruoli frivoli.

9 aprile, ore 21.00
EDIE
Factory Girl
di George Hickenlooper. USA, 2006, 90′, v. it.
Edie Sedgwick, attrice, modella e musa di Andy Warhol, impose il suo fascino magnetico nel caos della New York anni ’60, diventando l’icona della contro-cultura, prima di affondare, giovanissima, nel vuoto della fama.

10 aprile, ore 21.00
NORA
Nora
di Pat Murphy. Irlanda, Gran Bretagna, Italia, Germania, 2000, 106′, v. it.
Un punto di osservazione straordinario e inedito sul genio letterario del Novecento, James Joyce, è offerto dalla vicenda di Nora Barnacle, fedele compagna di una vita, alle prese con le nevrosi di un grande artista.

11 aprile, ore 21.00
AMELIA
Amelia
di Mira Nair. USA, 2009, 111′, v.o. sott. it.
Hilary Swank infonde il suo carisma alla leggendaria aviatrice Amelia Earhart, prima donna ad attraversare in volo l’Oceano Atlantico, conquistando un posto d’onore nell’immaginario americano per il suo coraggio.

12 aprile, ore 21.00
VIRGINIA
The Hours
di Stephen Daldry. USA, 2002, 114′, v.o. sott. it.
Il personaggio di Mrs. Dalloway di Virginia Woolf incrocia tre destini femminili in epoche diverse. Oscar a Nicole Kidman per la sofferta immedesimazione nell’interiorità della celebre scrittrice, dispersa nel dolore.

13 aprile, ore 21.00
ARMIDA
Come il vento
di Marco Simon Puccioni. Italia, 2013, 110′
Ritratto di Armida Miserere, tra le prime donne alla direzione di un carcere, ruolo fino ad allora riservato agli uomini. Si batté per migliorare le condizioni dei reclusi, mossa da un desiderio di giustizia senza compromessi.

Si ringraziano per i film: Ambasciata del Messico, Filmoteca de la UNAM, Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, Ripley’s film, Fondazione Cineteca di Bologna, Universal, Lucky Red, Medusa, Bim, British Film Institute, Mediaset, Warner Bros., Moviemax, 20th Century Fox Searchlight, Ambi Pictures

Info
Palazzo delle Esposizioni – Sala Cinema
scalinata di via Milano 9 a, Roma
INGRESSO LIBERO FINO A ESAURIMENTO POSTI
I posti verranno assegnati a partire da un’ora prima dell’inizio di ogni proiezione
Possibilità di prenotare riservata ai soli possessori della membership card

Frida_Naturaleza_002

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: