Cappella Sistina: nuova illuminazione con 7000 LED a risparmio energetico

5 Nov

Il Giudizio Universale di Michelangelo e le altre opere dei grandi artisti italiani, tra cui quelle di Botticelli, del Perugino, del Pinturicchio e del Ghirlandaio nella Cappella Sistina, adesso, risplendono di luce nuova.

Gli spettatori in visita nella Cappella Sistina possono ora ammirare gli affreschi illuminati da 7000 LED, le luci “low cost” non solo riescono a valorizzare al massimo i colori delle opere e ad illuminare le pareti e la volta della Cappella in modo omogeneo, ma consentono anche di  diminuire il consumo di corrente: il risparmio stimato, infatti, è di circa il 60%.

Inoltre all’interno della Cappella è stato istallato un nuovo impianto di climatizzazione in grado di monitorare e controllate temperatura e umidità, qualunque sia la condizione meteo esterna e il numero di persone presenti sotto la volta.

Fonte: Turismoroma.it

Settemila led per illuminare il capolavoro di Michelangelo. La Cappella Sistina, realizzata tra il 1475 e il 1481 all’epoca di papa Sisto IV della Rovere, brilla di nuova luce a 450 anni di distanza dalla morte del grande artista. Poco prima delle 19 è stato svelato il “restauro” di uno dei “tesori” dei Musei Vaticani quando lo “scrigno” è stato aperto davanti agli occhi dei giornalisti provenienti da ogni parte del mondo. Dopo 3 anni di intensi studi, progetti e lavori esecutivi, la Sistina è finalmente pronta a mostrarsi nel pieno splendore.

Migliaia di piccole lampadine dalla luce intensa ma discreta illuminano ora, oltre alle meraviglie del Buonarroti, quelle degli altri grandi artisti quattrocenteschi: Botticelli, Perugino, Pinturicchio, Domenico Ghirlandaio, Luca Signorelli, Piero di Cosimo. Gli impianti sono stati studiati per garantire, oltre ad un grande risparmio energetico, la miglior luce possibile per godere di ogni dettaglio, ogni particolare della volta. Una “progressione luminosa“, dalla luce più soffusa a quella più intensa, ha accompagnato il termine della presentazione dei lavori di conservazione voluti dai Musei Vaticani. Accesa alla fine anche la “luce di gala“, la più forte, destinata secondo le parole dei tecnici che hanno partecipato all’iniziativa, “solo ad occasioni particolari”.

A far “respirare” il Giudizio Universale sarà inoltre un nuovo impianto di climatizzazione in grado di monitorare, controllare e regolare temperatura e umidità, qualunque sia la condizione meteo esterna e il numero di persone presenti nella volta, per preservare nel miglior modo possibile gli affreschi. “Saranno i dipinti di Michelangelo e degli altri grandi pittori a ringraziarci per questi impianti”, ha dichiarato Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani.

La nuova illuminazione è finanziata da un progetto di ricerca dell’Unione europeo denominato Led4Art. I diodi dell’installazione fanno sì che gli affreschi di Michelangelo possano essere ammirati in un modo senza precedenti: maggiori dettagli e una percezione in tre dimensioni per chi si trova ad osservarli in piedi dal pavimento. Il nuovo sistema fa risparmiare inoltre il 60 per cento dei costi energetici e delle emissioni e questa tecnologia più “morbida” rallenta l’invecchiamento degli affreschi rispetto al sistema precedente. L’Ue ha investito 870.000 euro in questo progetto. I partner sono: Osram (Germania e Italia), l’Università della Pannonia (Pannon Egyetem, Ungheria), Fabertechnica (Italia), l’Institut de Recerca en Energia de Catalunya (Irec, Spagna) e la Città del Vaticano.

Fonte: La Repubblica

sistinanuovailluminazione

Annunci

Una Risposta to “Cappella Sistina: nuova illuminazione con 7000 LED a risparmio energetico”

  1. Ravecca Massimo 6 novembre 2014 a 12:04 pm #

    Entrando nella Cappella Sistina di Michelangelo, sopra il Giudizio, speculare all’Innalzamento del serpente di rame, da parte di Mosè, vi è dipinta la crocifissione di Aman, primo ministro persiano che voleva uccidere gli ebrei e poi a morire sarà lui. (cfr. Libro di Ester). Unica croce presente negli affreschi. Fa si che abbiamo una promessa (la croce di Cristo), sotto forma di minaccia. Aman protagonista negativo del carnevale ebraico, negli affreschi di Michelangelo assomiglia al Gesù giudice del Giudizio Universale. Ma in questo caso la somiglianza a cui si alluderebbe non sarebbe fisica, (come invece avrebbero Gesù, Leonardo da Vinci e Michelangelo verso il termine della loro vita), ma funzionale. Il genio di Michelangelo, gli ha permesso un fantastico viaggio nel tempo: avrebbe visto la morte di Gesù in croce, mentre assumeva anche il ruolo di Aman, (anticipando di 4 secoli l’ipotesi simile dell’antropologo Frazer di inizio 900)). In un carnevale si perde la cognizione di quello che si fa. “Padre perdonali, perché non sanno quello che fanno” (Lc 23,34). Gesù amando tutti sarebbe sceso il più in basso possibile per non tralasciare nessuno. Cfr. ebook/book. Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: