Archivio | settembre, 2015

Psychiatric Circus: arriva a Roma il circo-teatro horror

25 Set

Psychiatric Circus dal 8 ottobre al 22 novembre 2015 a Roma, davanti il Centro Commerciale Porta di Roma.
Lo spettacolo più dissacrante, terrificante, e divertente dell´anno.

E´ uno spettacolo teatrale ambientato negli Anni Cinquanta che racconta la vita all´interno del manicomio cattolico di Bergen, gestito da Padre Josef, dottore e direttore, e dalle sue fedeli suore.
Psychiatric Circus é un circo-teatro che si ispira alle suggestioni del Cirque du Soleil, ma con tinte piú forti. E´ un evento psicotico, un viaggio nella follia, un luogo in cui il senso delle cose é totalmente capovolto.

Un cast internazionale di acrobati, fachiri, pagliacci che presenterá numeri tecnicamente difficilissimi, costruiti con una chiave ironica e insieme inquietante. Artisti di altissimo livello saranno in scena con un gioco di incastri tra acrobatica al suolo e al trampolino, verticalismo, fachirismo, contorsionismo, manipolazione, fantasismo e folle comicitá per regalare agli spettatori risate di puro terrore.
Traendo ispirazione dai piú celebri horror della storia del cinema e da serie TV come American Horror Story, e unendo questi spunti alla creativitá e alla libertá, a volte dissacrante, del circo e del teatro, Psychiatric Circus si propone al pubblico italiano ed europeo come una novitá assoluta, che andrá in tour nelle principali cittá.
Tanta interazione con il pubblico, per un evento ricco di colpi di scena, divertente e unico.

SPETTACOLO SCONSIGLIATO AI MINORI DI 14 ANNI

 Psychiatric Circus dal 8 ottobre al 22 novembre 2015 a Roma

Annunci

TottiBIT: biglietti Atac dedicati al grande campione

24 Set

TottiBIT: biglietti Atac dedicati al grande campione in vendita dal 27 settembre.

Dal 27 settembre Atac mette in commercio una serie di 4 BIT (Biglietto Integrato a Tempo) a tiratura limitata, 500 mila titoli di viaggio per festeggiare il compleanno di Francesco Totti, lo storico capitano della AS Roma. La serie speciale Buon compleanno capitano sarà in vendita in anteprima nei giorni 24, 25 e 26 settembre, solo nelle biglietterie Atac (elenco sul sito www.atac.roma.it) e nella biglietteria mobile che verrà parcheggiata a piazza dei Cinquecento dalle 8 alle 20.

Dal 27 settembre, giorno del compleanno del calciatore, i titoli di viaggio saranno in vendita oltre che in tutte le biglietterie ufficiali Atac, anche presso edicole e tabaccai.

Il campione romano, ringraziando Atac per la decisione di produrre un’edizione limitata di biglietti dedicata, ha sottolineato: “E’ un’iniziativa che ho apprezzato tanto per le sue finalità benefiche, visto che grazie ad essa riusciremo anche ad aiutare l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù”.

I Totti BIT sono un’iniziativa BIT Regeneration Atac, il brand che collega il BIT del trasporto pubblico locale a iniziative di cultura, solidarietà, sport e spettacolo della città. Già in diverse occasioni Atac ha emesso BIT speciali che ormai fanno parte del patrimonio di molti collezionisti.

Fonte: Comune di Roma

Totti_bit_d0

Ara Pacis a colori in 3D per il Giubileo

23 Set

Ara Pacis a colori in 3D e con effetti sonori: è il progetto in vista del Giubileo 2016.

“In vista del Giubileo abbiamo immaginato assieme alla Sovrintendenza capitolina e a Zètema Progetto Cultura un nuovo progetto di valorizzazione del nostro patrimonio culturale, dopo quello dei Fori di Piero Angela e Paco Lanciano. Abbiamo pensato all’Ara Pacis che l’anno scorso, illuminata a colori ha avuto un successo di pubblico straordinario. In quella occasione è stato approntato un modello tridimensionale dell’altare sul quale è stata applicata la restituzione del colore secondo criteri filologici e storico-stilistici, per ricreare, senza rischio per la sua conservazione, l’effetto totale e realistico della policromia originaria. Quest’anno abbiamo pensato di andare oltre e di concedere al visitatore un’esperienza più coinvolgente e immersiva con l’impiego della realtà aumentata e occhiali tecnologici con audio. Il progetto non avrà oneri per l’Amministrazione prevedendo un piano economico la cui copertura possa essere realizzata con gli incassi per un periodo di tempo fino a tre anni”.

Fonte: TurismoRoma

Vedi anche:

Spezie. Il Sapore della Storia: visite, tour e percorsi gratuiti a Roma

22 Set

Spezie. Il Sapore della Storia: visite, tour e percorsi gratuiti a Roma dal 28 settembre al 27 ottobre 2015.

Spezie. Il Sapore della Storia è la chiave per instaurare un legame tra l’enogastronomia e la storia, attraverso un filo conduttore che relaziona questi due aspettidella cultura italiana, e in particolare laziale, attraverso i secoli: le spezie.
Spezie. Il Sapore della Storia s’inserisce negli appuntamenti di EXPO 2015, introducendo le eccellenze storico-artistiche ed enogastronomiche di Roma e del Lazio nel contesto dell’esposizione universale in corso a Milano.
Frutto di un’azione sinergica che vede come promotori la Lega delle Cooperative del Lazio, la Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’area archeologica di Roma e l’ISMEZ-Istituto Nazionale per lo Sviluppo Musicale del Mezzogiorno, il programma proposto da CoopCulture racconta una storia antica e offre delle esperienze culturali ed enogastronomiche nel territorio del Comune di Roma.

Il programma prevede:

  • visite tematiche e percorsi di trekking seguendo le tracce delle spezie
  • degustazioni di prodotti tipici laziali con uno sguardo rivolto verso l’Africa e l’Oriente
  • passeggiate serali tra suggestivi resti archeologici
  • performance musicali tra Africa e Occidente
  • laboratori per bambini, reading e seminari

SETTEMBRE

Lunedì 28, ore 17.30
Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano
Il commercio e le spezie nell’Antica Roma attraverso le epigrafi del Museo alle Terme di Diocleziano
Visita tematica
Ore 19.00
Enogastronomia del Lazio
Degustazioni di vini e prodotti agroalimentari del territorio laziale e presentazione a buyers internazionali
Meeting Point: Cancello del complesso delle Terme di Diocleziano in Via Luigi Einaudi

OTTOBRE

Sabato 3, ore 15.00
Appia Antica
Appiappiedi
Percorso di trekking tra archeologia e natura, dalla Villa dei Quintili alla tenuta di Capo di Bove
Ore 17.45
Degustazione di vini e prodotti del Lazio presso il casale di Capo di Bove
Meeting Point: Biglietteria Villa dei Quintili

Martedì 13 – 20 – 27, dalle ore 9.30 alle ore 12.30
Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano
Cultura, turismo ed enogastronomia nel Lazio
Corso di formazione per studenti di Istituti turistici e alberghieri di Roma
A cura del Prof. Francesco Antinucci del CNR, Archeologi e Storici dell’Arte e Responsabili Accoglienza di Coopculture

Domenica 4, ore 17.00
Fori Imperiali e Mercati di Traiano
Il commercio nell’antica Roma
Walking tour
Meeting Point: Biglietteria del Foro Romano in Largo della Salara Vecchia

Lunedì 5, ore 18.00
Lo sfarzo Imperiale
Passeggiata archeologica lungo Via dei Fori Imperiali
Ore 19.30
Incontro tra Produttori della regione Lazio e delegati commerciali di Ambasciate Europee presso Enoteca Provinciale di Palazzo Valentini
Meeting Point: Arco di Costantino, lato breve di fronte al Colosseo

Domenica 11, ore 11.00
I templi del Foro Boario e S.Maria in Cosmedin
Percorso tematico
Meeting Point: Cancello d’ingresso all’area del Tempio Rotondo al Foro Boario in Piazza Bocca della Verità

Venerdì 16, ore 10.00 – 16.00 e 17.30
Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano
Spezie… divine
Visita tematica
Le abitudini alimentari nell’Antica Roma attraverso la collezione epigrafica del Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano
Meeting Point: Biglietteria del Museo

Sabato 17, ore 17.30
Da Piazza Navona a Campo dei Fiori: le botteghe storiche della Capitale
Percorso Tematico
Meeting Point: piazza Navona, davanti ingresso S.Agnese in Agone

Venerdì 23, ore 17.30
Casa dei Cavalieri di Rodi
Roma dall’età antica al Rinascimento
Visita tematica
Ore 18.30
Performances musicali a cura dell’ISMEZ, con Paolo Damiani
Santa Cecilia Jazz Ensemble e a seguire Coro Gospel Sudafricano
Ore 19.30
Degustazione e presentazione a buyers Sudafricani di prodotti tipici speziati e vini del territorio
Meeting Point: Piazza del Grillo,1

Sabato 24, ore 18.10
Scuderie del Quirinale
Balthus
Visita guidata alla mostra
Meeting Point: Biglietteria delle Scuderie del Quirinale

Domenica 25, ore 10.30
Crypta Balbi
A pranzo con Apicio
Laboratorio sulla cucina nell’Antica Roma per bambini dai 6 ai 10 anni
Meeting Point: Biglietteria del Museo

Prenotazione obbligatoria
Partecipazione gratuita  ai percorsi guidati, agli eventi e alle degustazioni inserite negli itinerari,
fino ad esaurimento posti. Pagamento del biglietto di ingresso ai siti, ove previsto

Vedi anche:

spezieilsaporedellastoria

Le mostre a Roma nella primavera 2016

21 Set

Le mostre in programma a Roma per la primavera 2016:

PROGRAMMA IN CONTINUO AGGIORNAMENTO

Vedi anche:

Triumphs and laments di William Kentridge: la storia di Roma sui muraglioni del Tevere

21 Set

La morte di Remo accanto a quella di Pasolini, Marcello Mastroianni che bacia Anita Ekberg nella Fontana di Trevi. Sarà inaugurata il 21 e 22 aprile prossimi, in concomitanza con il Natale di Roma, ‘Triumphs and laments’, l’imponente opera site specific che, dopo tre anni di ritardi, polemiche e incertezze, l’artista sudafricano William Kentridge realizzerà sui muraglioni del Tevere. Un fregio lungo 550 metri, nel tratto tra Ponte Sisto e Ponte Mazzini, per raccontare, proprio nel cuore della città, la grande storia di Roma con 80 figure alte fino a 10 metri, che ‘emergeranno’, come grandi ombre danzanti, pulendo la patina biologica accumulata negli anni sul travertino bianco dei muraglioni. Sarà solo il tempo a decidere quanto resterà visibile. La patina biologica poi si riformerà naturalmente, cancellando le immagini. “Non sarà un disegno su superficie- spiega l’artista- ma un’opera che emerge per essere poi riassorbita”.

Fonte: La Repubblica

Un muro lungo 550 metri e alto fino a 10 metri che racconta la storia di Roma. Il 21 aprile 2016, in pieno anno giubilare e in occasione del Natale di Roma, sugli argini del Tevere, tra Ponte Mazzini e Ponte Sisto – tratto ribattezzato per l’occasione “Piazza Tevere” -, arriva un progetto di dimensioni eccezionali creato appositamente per la Capitale: Triumphs and Laments, la grande opera di arte contemporanea del celebre artista sudafricano William Kentridge. L’annuncio ufficiale è stato fatto al Macro dall’assessore capitolino alla Cultura Giovanna Marinelli e dall’Associazione Tevereterno Onlus fondata dall’artista Kristin Jones, che cura la direzione artistica del progetto.

Il fregio si compone di circa 80 figure, alte fino a 10 metri, e si snoderà sugli argini del fiume raccontando in ordine non cronologico ‘trionfi e lamenti’ della Capitale, dall’età antica fino a oggi, da Romolo che fonda Roma e uccide Remo, alla morte di Pasolini. Ma l’opera è destinata a durare solo quattro o cinque anni: “Il muro è ricoperto da una patina che lo rende scuro e copre il bianco del travertino”, ha spiegato l’artista. “Non sarà un disegno su superficie, ma un’opera che emerge da questa patina per poi essere riassorbita dal muro”.

L’opera sarà inaugurata al tramonto del 21 aprile 2016, con uno straordinario evento musicale e teatrale gratuito (ripetuto quattro volte al giorno, anche il 22 aprile), con l’esecuzione di un lavoro inedito del musicista e compositore Philip Miller, concepito per l’occasione.

“Triumphs and Laments è un grande regalo per la nostra città”, ha commentato Giovanna Marinelli, che ha sottolineato come questo sia un risultato importante per tutte le istituzioni che hanno collaborato: Roma Capitale (Assessorato Cultura e Sport, Assessorato all’Ambiente), Sovraintendenza Capitolina, Polo Museale Contemporaneo di Roma Capitale, Regione Lazio, Direzione Infrastrutture ambiente e Politiche abitative della Regione Lazio, Soprintendenza ai Beni Paesaggistici e Architettonici di Roma, MIBAC Ministero dei Beni Artistici e Culturali, Municipio I.

“Questa operazione non sarebbe stata possibile senza un sostegno privato”, ha detto la Marinelli. “Noi come Comune abbiamo limiti pressanti in questo momento ma la collaborazione pubblico-privato quando ben condotta dà risultati straordinari”.

Fonte: Comune di Roma

Vedi anche:

Palazzo Farnese: restaurata la Galleria Carracci

17 Set

Palazzo Farnese: terminato il restauro della Galleria Carracci.

Così vividi da togliere il fiato, gli affreschi della Galleria dei Carracci di Palazzo Farnese sembrano rinati. Mentre gli stucchi oro e avorio hanno riconquistato la cromia e la freschezza che avevano perso da secoli. Merito dell’accurato restauro frutto della cooperazione internazionale fra l’Ambasciata di Francia e le Soprintendenze italiane.
La galleria dei riaprirà le sue porte giovedì 17 settembre, dopo 18 mesi di lavori.
E’ il primo restauro completo di questo capolavoro realizzato tra il 1597 e 1608 dal pittore Annibale Carracci, aiutato da suo fratello Agostino e dai suoi allievi. Il pubblico potrà scoprire la galleria come nessuno l’aveva vista dal XVIIesimo secolo. Nelle foto di Mauro Coen, alcuni dettagli del restauro prima e dopo.

Fonte e foto: La Repubblica

Vedi anche:

A Castel Sant’Angelo aprono le cucine dei Papi, le Oleare, le Prigioni, la Cagliostra, la Stufetta e le Mole per due serate di degustazioni

15 Set

A Castel Sant’Angelo aprono le cucine dei Papi, le Oleare, le Prigioni, la Cagliostra, la Stufetta e le Mole per due serate di degustazioni.

Il Polo Museale del Lazio, diretto da Edith Gabrielli, presenta in occasione delle “Giornate Europee del Patrimonio 19/20 Settembre 2015”, nel Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo: “La cultura attraverso il cibo a Castello: dalla corte al Rinascimento”.

Nella serata del 19 settembre sarà possibile degustare un piatto composto da 5 assaggi monoporzione, ispirati alla cucina rinascimentale e supervisionati dallo chef Andrea Misseri. Il tutto nel Cortile di Alessandro VI.
Per le degustazioni sarà obbligatoria la prenotazione (vedi sotto).

Nella stessa serata del 19 settembre si potrà visitare il Museo dalle 20.00 alle 24.00 e straordinariamente si apriranno le Prigioni storiche, le Oleare dove veniva immagazzinato l’olio sia per l’uso alimentare che per l’illuminazione. Fu nel primo deposito delle Oleare che nel 1981 fu girata una celebre scena del film di Mario Monicelli, “Il Marchese del Grillo”. I Silos dove veniva immagazzinato il grano, la Stufetta di Clemente VII un vero gioiello architettonico della prima metà del Cinquecento, sala da bagno dei Pontefici, uno dei rarissimi esempi di bagno rinascimentale, la sala Cagliostra, ‘prigione di lusso’ destinata a detenuti di riguardo, che deve il suo nome a uno dei più famosi reclusi il Conte di Cagliostro e le Mole con le macine del tardo XVI secolo, e dove venivano immagazzinate le farine destinate alla guarnigione di castello.

Il 20 settembre il Museo sarà aperto dalle 09,00 alle 19,30 e saranno aperti straordinariamente gli stessi ambienti escluso le Mole.

Ufficio Stampa Polo Museale del Lazio
Marco Sala, Davide Latella.
Tel. 06 6999 4347
pm-laz.ufficiostampa@beniculturali.it

  • NOTIZIE UTILI PER L’EVENTO

Data Inizio: 19 settembre 2015
Data Fine: 20 settembre 2015
Costo del biglietto: 7,00 € ingresso al museo – degustazione piatto di 5 assaggi ispirati alla cucina rinascimentale € 10,00; possibilità di un’ulteriore degustazione di vini selezionati per l’occasione dal punto ristoro del Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo.
Riduzioni: gratuità e riduzioni come previste dalla legge; Per informazioni +39 06 32810

Prenotazione: Obbligatoria per le degustazioni. Le degustazioni si attivano superate n. 50 prenotazioni.

Telefono prenotazioni: +39 06 32810;
Url prenotazione: http://www.gebart.it//

Luogo: Roma, Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo
Orario: 19 settembre 9.00 – 19,30 (ultimo ingresso ore 18.30); 20,00 – 24,00
(ultimo ingresso ore 23,00)
20 settembre 9.00 – 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30)

Telefono: 06 69994207, 06 68191175
E-mail: pm-laz.ufficiostampa@beniculturali.it
Sito web: http://polomusealelazio.beniculturali.it
http://castelsantangelo.beniculturali.it

La cucina coinvolge il nostro mondo sensoriale attraverso sapori, profumi, sensazioni tattili e visive: addirittura suoni. Tutte le proprietà organolettiche di un vino o di un preparato sono sempre state oggetto di attenzione degli “scalchi” per raccontare un piatto, per tramandarne e perfezionarne la ricetta. Tali figure coordinavano tra gli altri i bottiglieri di corte che si occupava del vino, della scelta e primo assaggio. Esemplare è la figura di Sante Lancerio, bottigliere di Paolo III Farnese, il quale in una lettera inviata al cardinale Ascanio Guido Sforza, nipote del Papa, ci permette di rintracciare, con le sue 57 schede di vini conosciuti alla tavola farnesiana, quella che è considerata dai cultori enologici, la prima carta dei vini. Oltre alla figura del bottigliere la corte rinascimentale attribuiva ruolo al cantiniere ed al coppiere per il servizio delle bevande alla tavola; al piano delle prigioni storiche di Castel Sant’Angelo c’è una cantina per lo scarico dall’alto come per le adiacenti oleare. Bartolomeo Scappi cuoco personale di Pio IV e Pio V e forse anche di Paolo III, fu il primo che introdusse l’impanatura prima della frittura, lasciandoci un’importante opera, il più grande trattato di cucina del tempo, che includeva oltre mille ricette e trattava degli strumenti di cucina e di tutto ciò che doveva conoscere un cuoco rinascimentale di alto livello. La cucina di corte a Castel Sant’Angelo nel XVI secolo, si ipotizza fosse negli ambienti adiacenti al Cortile delle Prigioni, tra la Stufetta di Clemente VII ed il Cortile di Leone X.

Fonte: Pagina Facebook ufficiale

Vedi anche:

Caravaggio e Rubens in esposizione gratuita ad Ostia

15 Set

Caravaggio e Rubens in esposizione gratuita ad Ostia.
Nell’ambito del programma di Libera Estate Libera Ostia i cittadini possono godere, in esclusiva e gratuitamente, di alcuni capolavori rimasti chiusi per decenni negli uffici di politici e funzionari del Campidoglio.

Sei opere dei musei capitolini, eccezionalmente, saranno esposte dal 18 al 29 settembre a Ostia nell’aula consiliare del Municipio e nel Teatro del Lido. Un’occasione per ammirare capolavori di artisti come Caravaggio e Peter Paul Rubens accompagnati da lezioni teoriche. Si parte venerdì 18, nella sede del Municipio, con il Ritrovamento di Romolo e Remo di Rubens, visibile fino a sabato 19. La seconda fase del progetto si svolgerà dal 23 al 26 settembre con quattro capolavori di artisti differenti: San Sebastiano di Alessandro Tiarini, San Giovanni Battista di Daniele da Volterra, Alessandro e la moglie di Dario di Francesco Allegrini e il Ritratto di Michelangelo Buonarroti di un anonimo pittore toscano. Chiude la mostra il 29 settembre il Caravaggio al Teatro del Lido, con il celebre San Giovanni Battista, opera che il pittore italiano realizzò ispirandosi a uno dei bellissimi nudi affrescati da Michelangelo nella volta della Cappella Sistina.

PROGRAMMA
Sede del Municipio X, 18-19 settembre 2015
Peter Paul Rubens, Romolo e Remo
18 settembre 2015
• ore 12-21 esposizione al pubblico
• ore 17 lezione pubblica sull’opera
19 settembre 2015
• ore 11-21 esposizione al pubblico
• ore 12 lezione pubblica sull’opera
• ore 17 lezione pubblica sull’opera

Sede del Municipio X, 23-26 settembre 2015
Alessandro Tiarini, San Sebastiano; Daniele da Volterra, San Giovanni Battista; Francesco Allegrini, Alessandro e la moglie di Dario; Pittore toscano, Ritratto di Michelangelo Buonarroti.
23 settembre 2015
• ore 15-18 esposizione al pubblico
• ore 17 lezione pubblica sulle opere
24 settembre 2015
• ore 11-18 esposizione al pubblico
• ore 17 lezione pubblica sulle opere
25 settembre 2015
• ore 11-21 esposizione al pubblico
• ore 17 lezione pubblica sulle opere
26 settembre 2015
• ore 11-21 esposizione al pubblico
• ore 12 lezione pubblica sulle opere
• ore 17 lezione pubblica sulle opere

Teatro del Lido, 29 settembre 2015
Caravaggio, San Giovanni Battista
• ore 11-14.30 visita scuole
• ore 14.45-16.45 esposizione al pubblico
• ore 17-19 manifestazione a inviti e lezione pubblica
• ore 19.15-21.30 esposizione al pubblico

Si tratta di opere d’arte “che, fin dal suo insediamento, il sindaco Ignazio Marino ha voluto restituire alla collettività. Questi ’tesori nascosti’ saranno a disposizione del pubblico dal 23 al 26 settembre nella sala consiliare del X Municipio”, ha spiegato l’assessore capitolino alla Legalità e Trasparenza, Alfonso Sabella.

Nella stessa sala, venerdì 18 e sabato 19 settembre i cittadini possono ammirare la straordinaria opera di Rubens Romolo e Remo, più nota come La nascita di Roma, del 1616. Il 29 settembre, in occasione dell’anniversario della nascita del Caravaggio, l’appuntamento è al Teatro del Lido dove sarà esposto il celeberrimo San Giovanni Battista del grande pittore lombardo. I capolavori saranno illustrati dal curatore della Pinacoteca dei Musei Capitolini.

Rubens dipinge il Ritrovamento di Romolo e Remo nel momento in cui si sta affermando come uno dei principali protagonisti della cultura europea del Seicento. Grazie anche ad uno straordinario gruppo di aiutanti, il pittore realizza celebri serie di grandi opere richieste dalla principali corti di tutta Europa. Come si può vedere anche nel dipinto conservato in Campidoglio (e come apparirà più chiaramente dopo l’intervento di restauro), nel suo stile si combinano un raffinato uso del colore, derivato dalla pittura veneta, e una profonda conoscenza dell’arte classica.
Nel quadro, una delle opere più richieste e apprezzate dal pubblico, è raffigurato il momento in cui il pastore Faustolo, che accorre sulla destra, trova sulla riva del Tevere i due gemelli Romolo e Remo mentre vengono allattati dalla lupa; a sinistra si trovano un muscoloso vecchio, personificazione dello stesso fiume Tevere, e Rea Silvia, la madre dei gemelli. Lo sfondo è dominato al centro da una grande pianta di fico (il famoso “Ficus Ruminalis”).
Appartenuto al cardinale Giovanni Francesco Guidi di Bagno, Nunzio Apostolico nelle Fiandre nel periodo 1621-1627, il quadro fu successivamente spostato a Roma presso la famiglia Pio e nel 1750 ceduto al Campidoglio insieme ad altre importanti opere della raccolta.

Il San Giovanni Battista si trova in Campidoglio dal 1750 ed è senza dubbio una delle opere più affascinanti di Caravaggio, che in questa tela esprime in modo geniale le proprie riflessioni sul naturalismo pittorico e sul sentimento religioso. Tutta la critica è oggi d’accordo sul riferimento all’artista di questo dipinto, grazie anche ad una minuziosa serie di indagini tecniche che hanno dimostrato l’autenticità dell’opera.
Caravaggio dipinge il San Giovanni Battista nel 1602 per Ciriaco Mattei, una delle figure più in vista della società romana del tempo; il soggetto del dipinto è un chiaro riferimento al nome del figlio di Ciriaco, Giovanni Battista. Destinato dunque agli ambienti privati del palazzo Mattei e non ad un luogo di culto, il San Giovanni Battista è una profonda sintesi delle meditazioni di Caravaggio sulla pittura sacra. Per questo motivo il pittore usa, come modello compositivo per il Battista, uno dei bellissimi Nudi affrescati da Michelangelo nella volta della Cappella Sistina, l’opera più eclatante e complessa del Rinascimento italiano: le grandi opere d’arte – come si dimostra anche in questo caso – non nascono da un improvviso lampo di genio, ma sono il risultato di talento, studio e costante impegno.

Vedi anche:

Vaticano in treno: treno delle ville pontificie dal Vaticano a Castel Gandolfo

12 Set

Vaticano in treno: treno delle ville pontificie dal Vaticano a Castel Gandolfo, un accesso privilegiato ai Musei Vaticani, alla Cappella Sistina, ai Giardini Vaticani e alle meraviglie botaniche ed architettoniche della Residenza Pontificia denominata ormai ’secondo Vaticano’. Il ’primo’ e il ’secondo’ Vaticano nuovamente e idealmente riuniti…

Straordinaria attivazione della linea ferroviaria Vaticano-Castel Gandolfo-Albano Laziale per un singolare e suggestivo viaggio che, dall’antica Stazione del più piccolo Stato al mondo, condurrà, grazie alla coincidenza con un trenino turistico, alla scoperta di un inestimabile tesoro artistico, botanico e architettonico.

Con l’eccezionale apertura del Giardino Barberini e del Museo del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo, la Residenza Pontificia si concede al grande pubblico.
I visitatori che prenotano ’Vaticano in Treno’ avranno un accesso privilegiato ai Musei Vaticani, alla Cappella Sistina, ai Giardini Vaticani e alle meraviglie botaniche ed architettoniche della Residenza Pontificia denominata ormai ’secondo Vaticano’.

Novità!
A partire dal mese di Settembre 2015 sarà ancora più facile raggiungere le Ville Pontificie con le nuove proposte che includono il trasferimento in treno di andata e ritorno.
I nuovi percorsi sono offerti anche con prezzi accessibili appositamente predisposti per le famiglie: le tariffe Family.

  • Vaticano Full Day
    La visita consente al visitatore di osservare i Musei Vaticani, la Cappella Sistina, i Giardini Vaticani e i Giardini delle Ville Pontificie.
  • Vaticano Full Day ’Family’
    Tariffa riservata alle famiglie per visitare i Musei Vaticani, la Cappella Sistina, i Giardini Vaticani e i Giardini delle Ville Pontificie.
  • Palazzo di Castel Gandolfo
    La visita offre la possibilità di visitare il Museo del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo partendo in treno dalla stazione FS di Roma San Pietro.
  • Palazzo di Castel Gandolfo ’Family’
    La visita offre alle famiglie la possibilità di visitare il Museo del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo partendo in treno dalla stazione FS di Roma San Pietro.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Vedi anche:

Vaticano in treno: treno delle ville pontificie dal Vaticano a Castel Gandolfo

Vaticano in treno: treno delle ville pontificie dal Vaticano a Castel Gandolfo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: