Archivio | dicembre, 2017

Terme di Caracalla: la stagione estiva 2018

22 Dic

Terme di Caracalla, ecco la stagione estiva 2018 del Teatro dell’Opera:

MAGGIORI INFORMAZIONI

Terme di Caracalla: la stagione estiva 2018

Terme di Caracalla: la stagione estiva 2018

Annunci

Un tè con le Farfalle: farfalle vere e libere in un percorso naturalistico nel cuore di Roma

15 Dic

Un tè con le Farfalle dal 13 dicembre 2017 al 2 aprile 2018: al SET in via Tirso a Roma centinaia di farfalle autoctone e tropicali che volano libere in un ambiente appositamente realizzato per l’occasione, un giardino di 500 mq.
Il percorso naturalistico realizzato per ospitare lo straordinario ecosistema diventa la cornice per prendere un tè e andare alla scoperta del mondo delle farfalle accompagnati da esperti.

La manifestazione, organizzata da Fabio Di Gioia e Alberto Salerno, con la curatela scientifica dell’entomologo Prof. Enzo Moretto, per tutto il periodo di apertura prevede anche laboratori didattici per bambini, visite guidate e laboratori scientifici per le scuole.

Ricreando un “giardino impossibile” di 500 mq nel cuore di Roma, a due passi da Villa Borghese, Un tè con le farfalle costituisce un percorso naturalistico spiegato da biologi, disegnato e realizzato nello spazio SET di Via Tirso, appositamente adattato per ospitare l’ecosistema di centinaia di coloratissime farfalle autoctone e tropicali.

In un ambiente dove voleranno libere le creature più belle e particolari del mondo, tra piante e meravigliosi fiori, sarà possibile sostare e sorseggiare un tè di qualità -offerto dall’evento- leggere, lavorare o rilassarsi in una cornice floreale di rara bellezza.
All’interno dello spazio saranno presenti biologi in grado di fornire a tutti, grandi e piccini, spiegazioni sulle farfalle e il loro meraviglioso ciclo biologico.

La cura scientifica è affidata all’entomologo Prof. Enzo Moretto, direttore del Museo Esapolis di Padova e collaboratore del programma Rai Geo & Geo, tra i massimi esperti internazionali di farfalle.

La metamorfosi, il volo tipico delle farfalle, i colori e le geometrie delle ali sono sin dal mondo antico fonte inesauribile di ispirazione nell’arte, nella simbologia, nella letteratura, nell’estetica e decorazione. Importanti rimandi culturali da scoprire nel percorso dell’evento assieme alla storia della scoperta e filatura della Seta grazie al preziosissimo baco.


Vedi anche:

Un tè con le Farfalle dal 13 dicembre 2017 al 2 aprile 2018: al SET in via Tirso a Roma

Un tè con le Farfalle dal 13 dicembre 2017 al 2 aprile 2018: al SET in via Tirso a Roma

Pantheon: ingresso a 2 € dal 2 maggio 2018

11 Dic

Pantheon: l’ingresso sarà a pagamento dal 2 maggio 2018 e costerà 2.00 euro.

Il Direttore Generale Musei del Mibact, Antonio Lampis e il Camerlengo, Mons. Angelo Frigerio hanno firmato questa mattina, alla presenza del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschni, e del Vicario per la diocesi di Roma, Mons. Angelo De Donatis, le modifiche alla vigente Convenzione che disciplina l’accesso dei turisti al complesso del Pantheon. Oggetto delle modifiche la valorizzazione e la tutela della Basilica di Santa Maria ad Martyres e del Pantheon e l’introduzione, a partire dal 2 maggio 2018, di un biglietto d’ingresso di 2€. Il biglietto servirà al ministero per far fronte a una migliore valorizzazione e tutela del monumento, alle spese di manutenzione e a garantire una maggiore sicurezza durante le visite. Vista l’assoluta unicità e specificità del Complesso monumentale per la contestuale fruizione di fedeli, visitatori e studiosi, e restando fermo l’orientamento della Diocesi di Roma di non porre vincoli economici al libero accesso ai luoghi di culto, continuerà a essere libero l’accesso per l’esercizio del culto e delle attività religiose. Sarà cura del Mibact fornire adeguata informativa ai visitatori circa la sospensione delle visite turistiche durante le attività di religione e di culto liberamente programmate dall’Autorità ecclesiastica.

Fonte: Beni Culturali

Vedi anche:

Revolution. Records and Rebels 1966 – 1970

6 Dic

Revolution. Records and Rebels 1966 – 1970: in mostra atmosfere, oggetti, memorabilia, design, arte, grafica e soprattutto dalla musica di quegli anni.

La mostra esplora temi emersi negli anni sessanta e tuttora dominanti nella scena contemporanea – ambientalismo, globalizzazione, individualismo e cultura di massa – ponendosi l’interrogativo: “E adesso dove andiamo?”.

Sono gli anni che hanno scardinato le basi della società postbellica, plasmando in maniera innegabile il nostro stile di vita attuale. Quei 1826 giorni vengono raccontati in mostra attraverso oltre 500 oggetti-testimonianze di momenti, vite eccezionali, canzoni che hanno segnato la storia, abiti che hanno fatto tendenza (e scandalo), film indimenticabili, attimi che potremo rivivere.

Gli LP presentati durante il percorso espositivo provengono dalla collezione del compianto John Peel (1939-2004), conduttore radiofonico, DJ, produttore e giornalista britannico. Peel plasmò i gusti musicali del paese in un’epoca in cui la musica incarnava la rivoluzione in atto nel mondo. Dal 1966-1967 lanciò nuovi stili musicali, prima nel programma The Perfumed Garden in onda sulla radio pirata Radio London e in seguito alla BBC, attirando un pubblico di fedelissimi. John Peel è stato uno dei conduttori più importanti non solo di quegli anni ma di tutti i tempi.

La mostra, già approdata al Victoria and Albert Museum di Londra, arriva a Milano dal 2dicembre fino al 4 aprile negli spazi della Fabbrica del Vapore. Promossa e coprodotta da Comune di Milano-Cultura, Fabbrica del Vapore e Avatar – Gruppo MondoMostreSkira, in collaborazione con Victoria and Albert Museum di Londra.

Curata da Victoria Broackes e Geoffrey Marsh del Victoria and Albert Museum di Londra insieme a Fran Tomasi, maggior promoter italiano che per primo portò in Italia i Pink Floyd, Clara Tosi Pamphili, giornalista e storica della moda, e Alberto Tonti, noto critico musicale. Un percorso esperienziale fatto per avvolgere i visitatori di atmosfere, oggetti, memorabilia, design, arte, grafica e soprattutto dalla musica di quegli anni anche grazie al sofisticato sistema audioguide Sennheiser, partner dell’esposizione.

Un viaggio che ripercorre gli ambiti in cui le rivoluzioni di quegli anni ebbero luogo: la moda, la musica, le droghe, i locali e la controcultura; i diritti umani e le proteste di strada; il  consumismo; i festival; le comunità alternative. Da Carnaby Street a Londra agli hippy di Haight-Ashbury, dall’innovazione tecnologica della Bay Area alle proteste del maggio francese, dalle comuni sparse in tutta l’America ai festival di Woodstock e dell’Isola di Wight, questi anni furono caratterizzati da un idealismo ottimista che spingeva le persone a far fronte comune per sovvertire le strutture di potere in ogni sfera della società. Una riflessione infine su quante di esse hanno prodotto un cambiamento reale e duraturo e quante invece sono andate perdute nei decenni successivi.

Revolution. Records and Rebels 1966 – 1970
Milano, Fabbrica del Vapore
02 dicembre, 2017 – 04 aprile 2018


Vedi anche:

Klimt Experience: arriva a Roma la mostra multimediale e interattiva

4 Dic

Klimt Experience: dal 10 febbraio 2018 a Roma la mostra multimediale e interattiva dedicata a Gustav Klimt.

La vita, le figure e i paesaggi di Klimt sono i protagonisti assoluti di questa rappresentazione multimediale immersiva, dedicata al padre fondatore della Secessione Viennese. Opere come Il Bacio, L’Albero della vita, oppure Giuditta, sono entrate a far parte della cultura popolare, eppure Klimt resta un artista da scoprire e da raccontare. Klimt Experience, propone al visitatore emozioni uniche, un’immersione totale in un mondo simbolico, enigmatico e sensuale, dove si concretizza il trionfo di un’arte senza tempo e confini. Straordinaria la forza evocativa della colonna sonora diffusa da un impianto Dolby Surround di ultima generazione; eccezionale l’impatto visivo delle 700 immagini della mostra e delle ricostruzioni 3D della Vienna dei primi del ‘900. Tutte le immagini sono riprodotte, con definizione maggiore del Full Hd dai proiettori laser del sistema Matrix X-Dimension.

Vedi anche:

 

 

Pearl Jam a Roma il 26 giugno 2018

1 Dic

I Pearl Jam in concerto a Roma il 26 giugno 2018 allo Stadio Olimpico per il Live Europe Tour 2018.
I Pearl Jam sono un gruppo grunge/alternative rock statunitense, formatosi a Seattle nel 1990.
Programma in aggiornamento, biglietti prossimamente in vendita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: