Archivio | musei RSS feed for this section

Musei in Musica 2018 sabato 1° dicembre

26 Ott

Musei in Musica 2018: sabato 1° dicembre aperture straordinarie serali ed eventi nei Musei di Roma tra le ore 20.00 e le ore 2.00.
Musei Civici e spazi culturali straordinariamente aperti la sera dalle 20 alle 2 con mostre ed eventi musicali.
#MUSica18

PROGRAMMA IN AGGIORNAMENTO

Vedi anche:

museiinmusica2018

Annunci

Musei Vaticani: apertura prolungata fino alle 19.00

13 Ott

Apertura prolungata dei Musei Vaticani dal 18 aprile al 4 maggio 2019, con chiusura alle ore 19.00.
APERTURA PROLUNGATA 9.00 – 17.00, CHIUSURA 19.00.
L’uscita dalle sale di esposizione inizia mezz’ora prima dell’orario di chiusura

Nelle date:
18, 19, 20, 23, 24, 25, 27, 29 e 30 aprile 2019
2 e 4 maggio 2019

Inoltre:
Aperture serali 2019
Ingresso gratuito nei Musei Vaticani: il calendario 2019
Ingressi gratuiti 2018
Colazione ai Musei Vaticani
Pranzo ai Musei Vaticani
Visita guidata dei Musei Vaticani, Cappella Sistina e Basilica di San Pietro senza fila
Musei Vaticani nascosti: Cappella Niccolina Scala del Bramante, e Gabinetto delle Maschere
Speciale Giardini Vaticani

Vedi anche:

Apertura prolungata dei Musei Vaticani dal 18 aprile al 4 maggio 2019, con chiusura alle ore 19.00

Apertura prolungata dei Musei Vaticani dal 18 aprile al 4 maggio 2019, con chiusura alle ore 19.00

Le mostre a Roma nella primavera 2019

12 Ott

Le mostre a Roma nella primavera 2019:

PROGRAMMA IN CONTINUO AGGIORNAMENTO

Vedi anche:

 

Picasso. La scultura in mostra alla Galleria Borghese

17 Set

Picasso. La scultura in mostra a Roma alla Galleria Borghese dal 23 ottobre 2018 al 3 febbraio 2019.
55 capolavori realizzati dal grande maestro dal 1902 al 1961.
Fotografie di atelier e video descriveranno il contesto che ha dato origine alle sculture, mentre storie, miti, frammenti e figure esploreranno temi diversi definendo tipologie d’incontri che spaziano dall’antichità all’età moderna.

La mostra Picasso. La scultura, a cura di Anna Coliva e Diana Widmaier-Picasso, si inserisce nel programma internazionale Picasso-Méditerranée avviato da Laurent Le Bon, direttore del Musée Picasso-Paris Picasso.
Vasi, animali, pietre incise, figure mitologiche in ceramica dialogheranno con la materia, con i motivi, il movimento o la ieraticità dei capolavori presenti nella collezione della Galleria Borghese intonando uno straordinario concerto che vedrà la scultura Donna con bambino di Picasso ammiccare all’Apollo e Dafne del Bernini.

Vedi anche:

Zerocalcare in mostra a Roma al MAXXI

20 Ago

Zerocalcare in mostra a Roma al MAXXI dal 10 novembre 2018 al 10 marzo 2019.
La prima mostra personale dedicata al fenomeno del fumetto italiano.

Da sempre legato alla scena underground, portavoce della generazione anni ‘90, cresciuta tra precariato e web, tra il G8 di Genova e le serie tv, Michele Rech, in arte Zerocalcare è protagonista di una grande mostra realizzata in coproduzione con Minimondi Eventi.
Il progetto, organizzato intorno a tre nuclei tematici – Pop e Tribù, Resistenza e Politica, Non-Reportage – ripercorre tutti gli anni del suo lavoro tra poster, un’ampia selezione di illustrazioni, copertine di dischi, tavole originali dei suoi nove libri, magliette, loghi e una lavoro site specific disegnato dall’artista per l’occasione.


Vedi anche:

Zerocalcare in mostra a Roma al MAXXI dal 10 novembre 2018 al 10 marzo 2019

Zerocalcare in mostra a Roma al MAXXI dal 10 novembre 2018 al 10 marzo 2019

Dream: la nuova mostra collettiva di Danilo Eccher al Chiostro del Bramante

23 Lug

Dream. L’Arte incontra i Sogni: al Chiostro del Bramante la nuova mostra collettiva organizzata da Danilo Eccher dal 29 settembre 2018 al 5 maggio 2019, che completerà la trilogia dopo le esposizioni Love ed Enjoy, dedicate all’amore e al divertimento nell’arte.
Con Anselm Kiefer, Mario Merz, Giovanni Anselmo, Christian Boltanski, Doris Salcedo, Henrik Håkansson, Wolfgang Laib, Claudio Costa, Kate MccGwire, Anish Kapoor, Tsuyoshi Tane, Ryoji Ikeda, Bill Viola, Alexandra Kehayoglou, Peter Kogler, Luigi Ontani, Ettore Spalletti, Tatsuo Miyajima, James Turrell.

Si fanno a occhi aperti o chiusi, si nascondono in un cassetto oppure si mostrano finalmente realizzati, sono vissuti di notte e raccontati di giorno oppure il contrario. I sogni sono la materia di cui è composta “Dream”, la mostra a cura di Danilo Eccher che, dal 29 settembre 2018 al 5 maggio 2019, trasformerà il chiostro del Bramante di Roma in un luogo al di là del reale. “Dream” completa la trilogia, ideata e curata da Eccher, iniziata con “Love” (2016) e proseguita con “Enjoy” (2017), dedicata alle emozioni più intime dell’uomo, raccontate dai linguaggi dell’arte contemporanea. In questo caso, a dare una forma a quel fenomeno mentale che, per Freud, doveva rappresentare impulsi, passioni e sentimenti, saranno le opere più visionarie, liberamente interpretate e trasfigurate, di Anselm Kiefer, Mario Merz, Giovanni Anselmo, Christian Boltanski, Doris Salcedo, Henrik Håkansson, Wolfgang Laib, Claudio Costa, Kate MccGwire, Anish Kapoor, Tsuyoshi Tane, Ryoji Ikeda, Bill Viola, Alexandra Kehayoglou, Peter Kogler, Luigi Ontani, Ettore Spalletti, Tatsuo Miyajima, James Turrell. In un percorso da attraversare a piedi scalzi, liberi come possiamo esserlo solo nei sogni.

Fonte: Exibart.com

Dopo il successo di “Love. L’ arte incontra l’amore” e “Enjoy. L’ arte incontra il divertimento”, prosegue l’attività di ricerca e programmazione artistica dedicata ai temi legati all’identità e alle emozioni umane, partendo dalla possibilità reale di ammirare opere d’arte dal valore inestimabile.
Curata da Danilo Eccher, la mostra sarà inaugurata a fine settembre e rappresenterà il terzo capitolo legato all’arte contemporanea e, in particolare, agli infiniti e molteplici linguaggi culturali ad essa connessi.
Un progetto espositivo internazionale, che coinvolgerà alcuni tra i più importanti protagonisti dell’attuale panorama artistico, e di ammirare in anteprima le opere site-specific concepite appositamente per il Chiostro del Bramante.

 

Vedi anche:

Dream. Un viaggio nell'arte: al Chiostro del Bramante la nuova mostra collettiva organizzata da Danilo Eccher dal 29 settembre 2018 al 5 maggio 2019

Dream. Un viaggio nell’arte: al Chiostro del Bramante la nuova mostra collettiva organizzata da Danilo Eccher dal 29 settembre 2018 al 5 maggio 2019

Jackson Pollock in mostra a Roma al Complesso del Vittoriano

27 Giu

Jackson Pollock e la scuola di New York in mostra a Roma dal 10 ottobre 2018 al Complesso del Vittoriano, Ala Brasini.
Organizzazione © Arthemisia.

Paul Jackson Pollock (Cody, Wyoming, 28 gennaio 1912 – Long Island, 11 agosto 1956) è stato un pittore statunitense, considerato uno dei maggiori rappresentanti dell’espressionismo astratto o action painting.

 

Vedi anche:

 

Danilo Eccher e la mostra dell’autunno 2018 al Chiostro del Bramante

24 Mag

Dopo Love ed Enjoy, la mostra dell’autunno 2018 al Chiostro del Bramante sarà nuovamente una collettiva organizzata da Danilo Eccher, che completerà la trilogia dopo le esposizioni dedicate all’amore e al divertimento nell’arte.

Il tema e gli artisti partecipanti saranno svelati prossimamente.

Vedi anche:

Danilo Eccher

Borromini: tutte le opere a Roma

10 Mag

L’elenco di tutte le opere di Francesco Borromini a Roma:

  • Interventi nella chiesa di Sant’Andrea della Valle (1621-1623);
  • Interventi in palazzo Barberini (1625-1632);
  • Cappella del Sacramento in San Paolo fuori le Mura (1629);
  • Ultimazione del baldacchino di San Pietro (1631-1633);
  • Galleria prospettica di palazzo Spada (1653);
  • Chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane (1634-1641);
  • Oratorio dei Filippini adiacente a Santa Maria in Vallicella (1637-1650);
  • Decorazione della cappella della Trinità nella chiesa delle monache agostiniane di Santa Lucia in Selci (1638-1639);
  • Chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza (1643-1662);
  • Rinnovamento della basilica di San Giovanni in Laterano (1646):
  • Vestibolo e scalone a palazzo di Spagna (1645-1648);
  • Palazzo di Propaganda Fide (1646);
  • Interventi in palazzo Giustiniani (1650-1652);
  • Chiesa di Sant’Agnese in Agone a Piazza Navona
  • Ampliamenti nel convento annesso alla chiesa di Sant’Agostino (1659-1662);
  • Cappella Spada in San Girolamo della Carità (1660 circa).

Fonte: Wikipedia

VEDI ANCHE:

L'elenco di tutte le opere di Francesco Borromini a Roma

Sangue e Arena: show multimediale al Colosseo

10 Mag

Sangue e Arena. The show: al Colosseo uno spettacolo immersivo e multimediale dal 12 maggio al 27 ottobre 2018.
Seduti sugli spalti, gli spettatori assisteranno a una proiezione nell’arena che ricostruisce gli spettacoli del Colosseo.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Il Parco archeologico del Colosseo presenta Sangue e Arena, un inedito spettacolo immersivo che fa rivivere i fasti della lunga serie di eventi inaugurali voluti dall’imperatore Tito tra giugno e settembre dell’80 d.C. e durati 100 giorni La performance si svolge direttamente sul piano dell’arena dell’anfiteatro, nel luogo stesso dove si affrontavano i gladiatori.

Le immagini multimediali, le ricostruzioni virtuali e l’impiego degli ologrammi proiettati su un telo di 17 metri offrono un’emozione unica. Immagini, luci, suoni e musica traducono quanto veramente accaduto in quei giorni. L’attesa e l’eccitazione del pubblico di allora si rinnovano attraverso i racconti del poeta Marziale, testimone oculare dei giochi, i cui epigrammi nel Liber de spectaculis consentono di riproporre oggi i vari tipi di spettacoli offerti, tra i quali le fantastiche coreografie acquatiche.

È il primo spettacolo a essere rappresentato sull’arena su progetto del Parco archeologico del Colosseo, in collaborazione con Electa che cura l’organizzazione e la promozione.

La tecnologia. Le immagini di Sangue e Arena vengono proiettate su una superfice non intrusiva e non appariscente: più che uno schermo un telo, dalle caratteristiche particolari e di grandi dimensioni, in grado di restituire in maniera impeccabile i dettagli delle immagini. La superficie è posta molto vicino agli spettatori: esercita un impatto immersivo e integra l’affascinante struttura dei fornici combinando architettura, episodi storici e realismo in una produzione audiovisiva che narra gli eventi con rigore scientifico, restituendo forti emozioni.

Attraverso uno straordinario gioco di luci, suoni, effetti visivi e un display ologrammatico, il pubblico si immedesima in coloro che circa duemila anni fa hanno assistito ai grandi giochi inaugurali dell’Anfiteatro. È attraverso i loro occhi che gli spettatori di oggi si immergono non solo nell’antica storia del Colosseo e nell’eccitazione dei giochi, ma anche nelle credenze e nei miti di allora.

Vedi anche:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: