Archivio | utilità RSS feed for this section

M’illumino di led: nuova luce sul Campidoglio

27 Set

Piazza del Campidoglio si veste di luce nuova. Dal 26 settembre 2018 Palazzo Senatorio, Palazzo dei Conservatori, Palazzo Nuovo, i portici e la fontana della Dea Roma sono illuminati con 566 lampadine a led.

L’intervento, costato 472mila euro, è stato realizzato dal Dipartimento SIMU e curato nelle fasi di progettazione e di esecuzione da Areti SpA (Gruppo Acea), con la collaborazione della Sovrintendenza Capitolina e della Soprintendenza Archeologica del Mibac.
L’installazione, oltre a mettere in risalto i particolari della storica piazza (qui le foto), consente l’allineamento alla normativa vigente e produce un notevole risparmio energetico, con conseguente diminuzione dei consumi.

“Restituiamo nuovo splendore a una delle piazze più belle del mondo”, ha dichiarato la sindaca Virginia Raggi. “Oggi la illuminiamo con luci nuove che mettono ancora più in risalto la sua bellezza straordinaria. È un regalo che facciamo a tutti i romani e a tutto il mondo perché piazza del Campidoglio appartiene a tutti, è un patrimonio universale. Per questo vogliamo che diventi sempre più, a livello internazionale, una cornice per appuntamenti istituzionali, eventi culturali e incontri di carattere pubblico e sociale. La nuova illuminazione a led contribuirà a valorizzare uno scenario magnifico, rispondendo anche alle esigenze di rispetto dell’ambiente e di risparmio energetico”.

“Si è trattato di un lavoro complesso, ragionato in ogni particolare”, commenta l’assessora alle Infrastrutture Margherita Gatta, “che non solo esalta il valore storico e artistico di piazza del Campidoglio ma contribuisce anche all’efficientamento energetico di Roma Capitale”.

Fonte: Comune di Roma

Vedi anche:

M'illumino di led: nuova luce sul Campidoglio, 566 lampadine a risparmio energetico su palazzi e portici

M’illumino di led: nuova luce sul Campidoglio, 566 lampadine a risparmio energetico su palazzi e portici

Annunci

Italy for movies: le location italiane del cinema e dei videogame

17 Mag

Italy for movies: le location italiane del cinema e dei videogame in un database con mappa e con itinerari consigliati.

Viaggia in Italia alla scoperta dei luoghi dei film e dei videogiochi che ti hanno fatto sognare, con una sezione che consente di navigare l’Italia alla scoperta delle location scelte dai registi e dagli sviluppatori come luoghi di ambientazione dei propri film, opere audiovisive e videogiochi. Le schede contengono rimandi ai siti delle produzioni e ai portali che promuovono quello specifico territorio sotto il profilo artistico, culturale ed enogastronomico.

Un portale web delle Direzioni Generali Cinema e Turismo del MiBACT e di Italian Film Commission per la promozione cinematografica delle location pubbliche offerte come set alle produzioni audiovisive  e degli incentivi economici. Facilita l’accesso ai beni culturali , la loro promozione nell’immaginario del pubblico e come destinazione turistica ai fini di un ritorno economico, grazie anche al cineturismo. 

Vedi anche:

cinemaitalia

Stagione balneare 2018 di Roma Capitale

3 Mag

Comincia il 1° maggio e si chiuderà il 30 settembre la stagione balneare 2018 di Roma Capitale.

La sindaca Virginia Raggi ha firmato l’ordinanza con le regole per la fruizione del litorale romano, incluse l’attività degli stabilimenti balneari e le prescrizioni in materia di assistenza e salvataggio.

Diverse le novità presenti come l’accesso agli animali da compagnia sul litorale di Ostia concesso solo nei 300 metri di spiaggia a sud del Porto Turistico, e la spiaggia dedicata alla pratica del kitesurf oltre a quella tradizionale del cosiddetto Cancello Zero di Castel Porziano. Si tratta del “tratto di litorale compreso tra il 2° ed il 3° Cancello della spiaggia libera di Castel Porziano per un’estensione di fronte mare di 300 metri.

I bagnini nelle spiagge di Ostia: gli orari

Per la prima volta, il Comune di Roma limita come durata l’attività dei marinai di salvataggio sulle spiagge libere. Gli stabilimenti sono obbligati a “predisporre un servizio efficiente di assistenza e salvataggio, conforme a quanto disposto dalla Capitaneria di Porto – Circondario Marittimo di Roma” mentre nelle spiagge libere gestite dal X Municipio “il servizio di assistenza e salvataggio per la stagione balneare 2018 è assicurato con le seguenti modalità: dal 1/5 al 15/6 sabato, domeniche e giorni festivi; dal 16/6 al 31/8 tutti i giorni feriali e festivi; dal 1/9 al 30/9 sabato domeniche e giorni festivi”. Praticamente un servizio a singhiozzo.

Castel Porziano e Capocotta con pochi bagnini

Per quanto riguarda la spiaggia libera di Castel Porziano “non è assicurato il servizio di salvataggio e assistenza ad eccezione delle postazioni 123 e 124” dove saranno presenti bagnini del Municipio X. A Capocotta saranno i gestori dei punti ristoro ad assicurare la pulizia della spiaggia, il servizio di salvataggio e i servizi igienici. Il Municipio dovrà esporre sia sulla via Litoranea che sulla spiaggia ogni 100 metri cartelli multilingue che informino sulla balneazione non sicura.

Gli orari degli stabilimenti ad Ostia

L’ordinanza firmata da Raggi che definisce gli obblighi dei concessionari degli stabilimenti aperti dalle ore 9.00 alle 19.00. C’è però la possibilità di restare aperti fino alle 2 di notte “per la somministrazione di alimenti e bevande” solo se autorizzati espressamente ma “fermo restando l’obbligo di assicurare servizio di salvataggio o, in assenza di esso, esporre in modo visibile a tutti apposito avviso di assenza del servizio di assistenza alla balneazione”. Per spettacoli e discoteche la protrazione dell’orario è autorizzabile fino alle 3 di notte ma “nei soli giorni del venerdì, sabato e prefestivi è in ogni caso obbligatorio assicurare il servizio di salvataggio”.

Ritorno dei ‘fagottari’, vietato mangiare in cabina

Altra novità sarà il cibo in spiaggia. Nell’ordinanza si specifica infatti che: “è sempre consentito consumare cibi e bevande in qualsiasi parte della spiaggia” mentre rimane il divieto di mangiare all’interno delle cabine. “E’ vietato – si legge – apporre cartelli negli stabilimenti che vietino il consumo di alimenti e bevande fuori dalle cabine”.

Fonte: 060608

Scarica l’ordinanza

Vedi anche:

stagionebalneare

Bagni pubblici e arte contemporanea al prezzo di 1 euro

23 Feb

Riaperti sette bagni pubblici. Nuove strutture, arte contemporanea all’ingresso al costo di 1 euro.

Colosseo, Pincio, Castel Sant’Angelo, piazza Risorgimento, via di Ripetta, piazza Garibaldi e basilica di San Paolo: questi i luoghi, centrali e frequentati, dove sono stati riaperti i bagni pubblici grazie a lavori di manutenzione a cura del Dipartimento SIMU (Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana), finanziati con 47mila euro del Dipartimento Tutela Ambientale.

I bagni pubblici saranno presidiati dalla ditta che s’è aggiudicata il bando per la gestione, per un importo complessivo di circa 256 mila euro (messi a disposizione sempre dal Dipartimento Tutela Ambientale). Per usare i bagni si paga un euro.

Ma i rinnovati servizi igienici non assolvono soltanto a scopi pratici. Per farne servizi degni della Capitale il Campidoglio ha pensato di abbinare per la prima volta l’arte alla funzione propria delle strutture. In progetto c’è una “galleria d’arte diffusa” in luoghi inaspettati e da riqualificare. Intanto all’ingresso del bagno pubblico del Colosseo è stata posta un’installazione dello scrittore, performer e poeta visivo Paolo Albani, incentrata su un quadro d’arte contemporanea.

I servizi pubblici appena rimessi in opera sono i primi d’una più lunga serie: in programma la riapertura dei bagni nelle ville storiche e di quelli cosiddetti ‘autopulenti’.

Fonte: Comune di Roma

Vedi anche:

Riaperti sette bagni pubblici. Nuove strutture, arte contemporanea all'ingresso al costo di 1 euro

Riaperti sette bagni pubblici. Nuove strutture, arte contemporanea all’ingresso al costo di 1 euro

Dress for Success Rome: vestiti e corsi gratuiti per le donne in cerca di lavoro

2 Feb

Dress for Success Rome è un programma che aiuta le ragazze e le donne in cerca di un’occupazione con vestiti e corsi gratuiti per gestire con successo il colloquio di lavoro.
Si rivolge alle giovani donne alle prese con il primo impiego, alle professioniste che dopo la maternità tentano di rientrare nell’ambito lavorativo per riavviare la propria carriera professionale, alle donne immigrate che non conoscono il tessuto sociale e il mercato del lavoro italiano.

Fa parte di un movimento globale che promuove l’intraprendenza, l’iniziativa e la creatività delle donne, per favorire l’uguaglianza di genere e l’empowerment femminile e offre programmi di supporto per l’avviamento professionale, servizi di career counseling e mentoring, consulenze di immagine e personal styling, ma soprattutto, fornisce a chi ne ha bisogno, un’intera cabina-armadio a cui attingere per trovare l’outfit perfetto per sostenere il colloquio di lavoro.

Per quanto sembrino cose di secondaria importanza, la missione degli abiti non è soltanto quella di tenerci caldo. Essi cambiano l’aspetto del mondo ai nostri occhi e cambiano noi agli occhi del mondo” (Virginia Woolf).

 

Vedi anche:

Dress for Success Rome: vestiti e corsi gratuiti per le donne in cerca di lavoro

Dress for Success Rome: vestiti e corsi gratuiti per le donne in cerca di lavoro

Cammini d’Italia, portale e mappa dei cammini

7 Nov

Cammini d’Italia: online la prima mappatura ufficiale dei cammini d’Italia, un contenitore di percorsi e itinerari pensato come una rete di mobilità slow che al momento contiene oltre 40 cammini: ci sono quelli dedicati ai santi, come i cammini francescani, laureatani e benedettini, quelli dedicati ai briganti come il sentiero che attraversa l’Aspromonte, il cammino di Dante che attraversa i luoghi dove Dante visse in esilio e scrisse la Divina Commedia, il sentiero della Pace che ripercorre luoghi e memorie della Prima Guerra Mondiale, e ancora la Via Appia, la Via Francigena, la Via degli Dei, il cammino di San Vicinio, la Via degli Abati, il sentiero Liguria, la Via Romea Germanica, il Sentiero del Dürer e tanti altri.

www.camminiditalia.it è dunque uno strumento per viaggiatori e turisti, una vera e propria infrastruttura intermodale di vie verdi in cui si potrà scegliere la possibilità di muoversi lungo l’Italia a piedi, in bicicletta, a cavallo o con altre forme di mobilità dolce sostenibile, promuovendo una nuova dimensione turistica.

“Sempre più persone partono in viaggio cercando qualcosa in più di una semplice vacanza. L’Atlante dei Cammini – ha dichiarato il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini – è pensato per quei viaggiatori che desiderano vivere un’autentica esperienza nel nostro Paese, immergendosi a passo lento in quel patrimonio diffuso fatto di arte, buon cibo, paesaggio e spiritualità che costituisce il carattere originale e l’essenza dell’Italia”.

“L’esperienza dei Cammini d’Italia ha avuto il merito di esaltare lo spirito collaborativo tra il ministero del Turismo e le Regioni italiane in un rinnovato clima di confronto e crescita comune. Partendo da questa importante esperienza, – ha dichiarato il Coordinatore Commissione Turismo e Industria Alberghiera della Conferenza delle Regioni e Province Autonome Giovanni Lolli – le Regioni sono tornate a recitare un ruolo di primo piano nella gestione e organizzazione dell’offerta turistica de mercato italiano.

“Il Comitato, di cui fanno parte il Mibact, le Regioni e l’Anci, ha identificato i Cammini d’Italia, al fine di realizzare l’Atlante Digitale, uno strumento dinamico e in costante aggiornamento. Tra gli undici requisiti necessari per rientrare nell’Atlante, – ha dichiarato il Direttore Generale del Turismo del MiBACT Francesco Palumbo, – sono di particolare importanza la fruibilità dei percorsi, la segnaletica orizzontale e/o verticale, la descrizione online della tappa, i servizi di alloggio e ristorazione entro i 5 km dal Cammino, la manutenzione del percorso garantita dagli Enti locali, la georeferenziazione ed un sito in cui sono raccolte le principali informazioni per i viaggiatori”.

Vedi anche:

Cammini d'Italia: online la prima mappatura ufficiale dei cammini d’Italia

Cammini d’Italia: online la prima mappatura ufficiale dei cammini d’Italia

Ingresso gratuito nei Musei Vaticani: il calendario 2018

22 Giu

Ingresso gratuito ai Musei Vaticani l’ultima domenica del mese: ecco il calendario 2018.
L’orario di ingresso è 9.00/12.30, uscita 14.00.
IN QUESTA OCCASIONE NON E POSSIBILE EFFETTUARE PRENOTAZIONE
Per prenotazioni dei Musei Vaticani in giorni con ingresso regolare CLICCA QUI

Vedi anche:
Musei Vaticani: apertura straordinaria notturna 2018
Ingresso gratuito nei Musei Vaticani: il calendario 2017

Calendario 2018 delle giornate con ingresso libero:
Domenica 28 gennaio 2018
Domenica 25 febbraio 2018
Domenica 25 marzo 2018
Domenica 29 aprile 2018
Domenica 27 maggio 2018
Domenica 24 giugno 2018
Domenica 29 luglio 2018
Domenica 26 agosto 2018
Domenica 30 settembre 2018
Domenica 28 ottobre 2018
Domenica 25 novembre 2018
Domenica 30 dicembre 2018

Come arrivare:

Dalla Stazione Termini
Metro Linea A direzione Battistini, fermate: Ottaviano-Musei Vaticani; Cipro (per entrambe 10 minuti a piedi).

Dall’Aeroporto Leonardo da Vinci (Fiumicino)
Treno Leonardo Express fino alla Stazione Termini e da qui seguire le stesse indicazioni per la metro Linea A.

Dall’Aeroporto di Ciampino
Pullman Terravision fino alla Stazione Termini e da qui seguire le stesse indicazioni per la metro Linea A. La corsa in taxi da entrambi gli aeroporti impiega allincirca 40 minuti.

Metro
Linea A fermate: Ottaviano-S.Pietro-Musei Vaticani; Cipro (per entrambe 10 minuti a piedi).

Bus (fermate)
49, di fronte allingresso dei Musei
32, 81, 982, Piazza del Risorgimento (capolinea) (5 minuti a piedi)
492, 990, Via Leone IV / Via degli Scipioni (5 minuti a piedi).

Tram
19, Piazza del Risorgimento (5 minuti a piedi).

Taxi
Stazione taxi, Viale Vaticano (di fronte ingresso Musei Vaticani).

Automobile
Parcheggi a pagamento in Viale Vaticano e zone limitrofe.

Per prenotazioni dei Musei Vaticani in giorni con ingresso regolare CLICCA QUI

Vedi anche:

Ingresso gratuito ai Musei Vaticani l'ultima domenica del mese: ecco il calendario 2018

Ingresso gratuito ai Musei Vaticani l’ultima domenica del mese: ecco il calendario 2018

Ingresso gratuito nei Musei Civici per i donatori di sangue dal 1 luglio 2017 al 15 ottobre 2017

15 Giu

Ingresso gratuito nei Musei Civici per i donatori di sangue dal 1 luglio 2017 al 15 ottobre 2017.

Dal 1 luglio 2017 al 15 ottobre 2017, durante la Campagna Estiva per la donazione di sangue, ingresso gratuito ai donatori di sangue e ad un loro accompagnatore nei Musei civici che aderiscono all’iniziativa.
Per premiare questo piccolo grande gesto, l’amministrazione capitolina offre ai donatori la possibilità di visitare gratuitamente uno dei Musei di Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali aderenti all’iniziativa.

Modalità di accesso al Museo 
Il cittadino donatore e un accompagnatore possono accedere gratuitamente ad uno dei Musei del Sistema Musei Civici di seguito elencati, presentando in biglietteria il certificato rilasciato dalla struttura ospedaliera (o copia del certificato timbrata dalla struttura) che attesti l’avvenuta donazione nel periodo 1 luglio – 15 ottobre 2017.

Lista dei musei civici che aderiscono all’iniziativa
Musei CapitoliniPiazza del Campidoglio (Ingresso con ridottissimo 2 euro)
Musei Capitolini – Centrale Montemartini – Via Ostiense, 106
Mercati di Traiano – Museo dei Fori ImperialiVia Quattro Novembre, 94
Museo dell’Ara PacisLungotevere in Augusta (angolo Via Tomacelli)
ad eccezione delle mostre ospitate nel Nuovo Spazio Espositivo dell’Ara Pacis  
Museo di RomaPiazza Navona, 2
ad eccezione delle mostre ospitate nel Nuovo Spazio Espositivo del Museo di Roma I piano
Galleria d’Arte ModernaVia Francesco Crispi, 24
MACROVia Nizza, 138
MACRO TestaccioPiazza Orazio Giustiniani, 4
Museo di Roma in TrasteverePiazza S. Egidio, 1/b
Musei di Villa TorloniaVia Nomentana, 70
Museo Civico di ZoologiaVia Ulisse Aldrovandi, 18

Vedi anche:

Ingresso gratuito nei Musei Civici per i donatori di sangue dal 1 luglio 2017 al 15 ottobre 2017

Ingresso gratuito nei Musei Civici per i donatori di sangue dal 1 luglio 2017 al 15 ottobre 2017

Ordinanza comunale per la tutela delle fontane storiche di interesse storico-artistico

12 Giu

Ordinanza comunale per la tutela delle fontane storiche di interesse storico-artistico con divieti bivacco e consumo e multe fino a 240 euro.

Impedire che si verifichino episodi contrari alle regole di decoro urbano e garantire adeguata tutela del patrimonio storico, artistico e archeologico di Roma Capitale. Con questo duplice obiettivo la sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato un’ordinanza che stabilisce una serie di divieti applicati a circa quaranta fontane di particolare interesse storico, artistico e archeologico, inclusi i loro basamenti e le relative aree di pertinenza. Per i trasgressori è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da 40 a 240 euro.

In particolare il provvedimento, che sarà valido fino al 31 ottobre 2017, prevede il divieto di:
– bivaccare, consumare alimenti o bevande
– sedersi, arrampicarsi e/o porre in essere qualsiasi altra condotta non compatibile con la naturale destinazione del bene pubblico;
– versare liquidi e/o gettare qualsiasi oggetto, ad eccezione del tradizionale lancio di monetine;
– lavare animali, indumenti e simili;
– fare bere animali.

Tra le fontane di Roma interessate dall’ordinanza: la Fontana di Trevi, le Fontane dei Leoni, del Nettuno e della Dea Roma a piazza del Popolo, la Fontana della Barcaccia a piazza di Spagna, le Fontane dei Quattro Fiumi, del Moro e del Nettuno a piazza Navona, la Fontana dei Catecumeni in piazza della Madonna dei Monti, la Fontana dell’Acqua Paola a piazza Trilussa, la Fontana di piazza Santa Maria in Trastevere, la Fontana del Tritone a piazza Barberini, la Fontana della Navicella, le Fontane dei due Mari a piazza Venezia, la Fontana in piazza dell’Aracoeli, la Fontana delle Naiadi a piazza della Repubblica, la Fontana di piazza di Campo de’ Fiori, Fontana della Dea Roma in piazza del Campidoglio e la Fontana Mostra dell’Acqua Paola in via Garibaldi.

Fonte: Comune di Roma

Vedi anche:

1024px-Rio_de_la_plata-fontana_dei_quattro_fiumi_by_night

Ordinanza comunale per la tutela delle fontane storiche di interesse storico-artistico con divieti bivacco e consumo e multe fino a 240 euro

FORMA ROMÆ il sistema informativo sul patrimonio storico, archeologico e architettonico di Roma

11 Mag

FORMA ROMÆ. Nasce il sistema informativo sul patrimonio storico, archeologico e architettonico di Roma: sarà operativo nel 2020.

Il Sistema informativo sul patrimonio storico, archeologico e architettonico di Roma è un progetto curato e realizzato dalla Sovrintendenza Capitolina finanziato con i fondi UE del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane (PON Metro). Un progetto ambizioso, unico in Italia, che non poteva che nascere dalla straordinaria ricchezza e diversificazione del patrimonio culturale romano.

L’unicità di Roma dipende non solo dall’essere uno dei pochi luoghi al mondo rimasto alla ribalta della storia, ininterrottamente, per quasi tre millenni, ma anche dall’aver interpretato questo ruolo sovrapponendo e integrando le testimonianze monumentali della sua storia fino a generare quella che oggi chiamiamo “la grande bellezza”. Occorre dunque offrire a chiunque sia interessato, cittadino di Roma o del mondo, gli strumenti per una adeguata lettura dei luoghi facendo emergere e rendendo semplice, ma non banale, la complessità della città e del suo secolare divenire.

La risposta a queste esigenze è un sistema informativo che integra le numerose banche dati digitali esistenti, su base geografica, in grado di contenere e diffondere le conoscenze acquisite sulla storia, l’archeologia, l’architettura, l’arte della città. Un sistema in continuo aggiornamento, che consenta non solo la consultazione delle conoscenze su Roma, ma anche lo sviluppo di ricerche trasversali su particolari tematismi, ad esempio le informazioni di carattere amministrativo o le normative per la tutela.

Forma Romae risponde alla necessità di migliorare i servizi forniti dalla Sovrintendenza sviluppando da un lato nuove strategie di comunicazione verso l’esterno, per offrire una migliore e più accessibile proposta culturale al più ampio bacino di utenti e, dall’altro lato, di ottimizzare i processi interni, riducendo i costi e i tempi delle attività di salvaguardia, conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico.

I gravosi interventi di restauro, conservazione e gestione non possano essere, ormai, più assolti con le sole risorse economiche, umane e strumentali della Pubblica Amministrazione, per questo la conoscenza puntuale e dettagliata delle informazioni relative allo stato di conservazione del patrimonio e delle risorse necessarie per la sua manutenzione sarà la base per l’individuazione di priorità di intervento e per l’attivazione di fonti di finanziamento legate a forme di partenariato pubblico-privato, o per l’avvio di sistemi innovativi per Roma Capitale.

Il sistema nasce con uno sguardo attento alle diverse tipologie di utilizzatori:  cittadini, turisti, operatori del turismo, studenti, studiosi, istituzioni culturali e pubbliche avranno a disposizione strumenti informatici dinamici, interattivi, verificati – con diverso grado di approfondimento nei contenuti – per raggiungere in tempo reale tutte le informazioni sulla storia millenaria della città.

Gli obiettivi attesi sono:

–         accesso diretto alle informazioni sul patrimonio storico, archeologico, monumentale e paesistico presente sul territorio e alla consultazione dei dati sulle trasformazioni edilizie e urbanistiche della città. L’informazione – accessibile con vari livelli di riservatezza e vari gradi di approfondimento – consentirà agli utenti l’immediata valutazione delle preesistenze archeologiche nel sottosuolo in una determinata area, della storia di un territorio o della fasi costruttive di un edificio, delle cavità sotterranee esistenti e del loro grado di pericolosità, dello stato di conservazione di un monumento, ecc.

–         interrogazione diretta dei livelli diacronici delle mappe vettoriali della città, dalla Forma Urbis marmorea (la pianta di Roma del III secolo d.C.), alla cartografia successiva (Catasto Alessandrino, piante di Roma, Catasto Gregoriano urbano e suburbano, IGM) fino ad arrivare alle attuali cartografie digitali e alle relative schede scientifiche e descrittive corredate di immagini.

–         consultazione diretta della documentazione storica presente nei fondi dell’Archivio Capitolino e dell’Archivio di Stato, digitalizzati, collegati e organizzati “geograficamente”, senza preoccupazioni per la conservazione di materiali più preziosi o deperibili.

–         produzione di set di open data e open geodata.

Il progetto, realizzato in collaborazione con il Dipartimento Innovazione Tecnologica e il Dipartimento Progetti di Sviluppo e Finanziamenti europei, sarà completato per la fine dell’anno 2020.

Fonte: Sovrintendenza Capitolina

Vedi anche:

forma_romae

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: