Archivio | Vaticano RSS feed for this section

Musei Vaticani: apertura prolungata fino alle 19.00

13 Ott

Apertura prolungata dei Musei Vaticani dal 18 aprile al 4 maggio 2019, con chiusura alle ore 19.00.
APERTURA PROLUNGATA 9.00 – 17.00, CHIUSURA 19.00.
L’uscita dalle sale di esposizione inizia mezz’ora prima dell’orario di chiusura

Nelle date:
18, 19, 20, 23, 24, 25, 27, 29 e 30 aprile 2019
2 e 4 maggio 2019

Inoltre:
Aperture serali 2019
Ingresso gratuito nei Musei Vaticani: il calendario 2019
Ingressi gratuiti 2018
Colazione ai Musei Vaticani
Pranzo ai Musei Vaticani
Visita guidata dei Musei Vaticani, Cappella Sistina e Basilica di San Pietro senza fila
Musei Vaticani nascosti: Cappella Niccolina Scala del Bramante, e Gabinetto delle Maschere
Speciale Giardini Vaticani

Vedi anche:

Apertura prolungata dei Musei Vaticani dal 18 aprile al 4 maggio 2019, con chiusura alle ore 19.00

Apertura prolungata dei Musei Vaticani dal 18 aprile al 4 maggio 2019, con chiusura alle ore 19.00

Annunci

Canonizzazione di Papa Paolo VI e monsignor Oscar Romero il 14 ottobre 2018

11 Giu

Il 14 ottobre 2018 canonizzazione di Papa Paolo VI e monsignor Oscar Romero in Piazza San Pietro. Gli altri santi che verranno proclamati il 14 ottobre dal Papa sono i sacerdoti italiani Francesco Spinelli e Vincenzo Romano e le suore Maria Caterina Kasper, tedesca, e Nazaria Ignazia di Santa Teresa di Gesù, spagnola.

Oltre a Giovanni Battista Montini (1897-1978) e al presule salvadoregno (1917-1980), il Pontefice proclamerà santi lo stesso giorno due preti italiani e due religiose (una tedesca e una spagnola): il lombardo don Francesco Spinelli (1853-1913), fondatore dell’Istituto delle Suore Adoratrici del Santissimo Sacramento; il campano don Vincenzo Romano (1751-1831), parroco di Torre del Greco in provincia di Napoli; la tedesca suor Maria Caterina Kasper (1820-1898), fondatrice dell’Istituto delle Povere Ancelle di Gesù Cristo; e la spagnola suor Nazaria Ignazia di Santa Teresa di Gesù (1889-1943), fondatrice della Congregazione delle Suore Misioneras Cruzadas de la Iglesia.

Vedi anche:

Canonizzazione di Papa Paolo VI e monsignor Oscar Romero il 14 ottobre 2018

Canonizzazione di Papa Paolo VI e monsignor Oscar Romero il 14 ottobre 2018

 

Musei Vaticani: le aperture serali 2018

6 Apr

Apertura straordinaria serale dei Musei Vaticani dal 20 aprile al 26 ottobre 2018.
Un’ occasione straordinaria per visitare i Musei dopo il tramonto, anche con Happy Hour.
Il costo del biglietto d’ingresso rimane invariato

Al via, da venerdì 20 aprile, l’edizione 2018 delle aperture straordinarie notturne dei Musei Vaticani che fino al 26 ottobre propongono ai visitatori, romani e non solo, un’esperienza di visita unica nel suo genere quanto ad atmosfere, bellezze artistiche e proposte musicali.

A partire dalle ore 19.00, per più di sei mesi, e per un totale di 27 venerdì, i Musei del Papa “raddoppiano” la loro offerta culturale offrendosi in un’inedita versione serale molto gradita al pubblico, specie nella stagione primaverile ed estiva.

Come ogni anno, e sempre inclusa nel costo del biglietto d’ingresso prenotabile esclusivamente online, un’ampia rassegna concertistica andrà ad arricchire la già preziosa apertura by night, animando con suoni, canti e danze le splendide architetture museali.
Non solo arte e storia quindi, ma anche spettacolo, e perché non un gustoso Happy Hour nel suggestivo Cortile della Pigna per un rigenerante momento di evasione!

 

Vedi anche:

Apertura straordinaria serale dei Musei Vaticani dal 20 aprile al 26 ottobre 2018Apertura straordinaria serale dei Musei Vaticani dal 20 aprile al 26 ottobre 2018

Apertura straordinaria serale dei Musei Vaticani dal 20 aprile al 26 ottobre 2018

Ingresso gratuito nei Musei Vaticani: il calendario 2018

22 Giu

Ingresso gratuito ai Musei Vaticani l’ultima domenica del mese: ecco il calendario 2018.
L’orario di ingresso è 9.00/12.30, uscita 14.00.
IN QUESTA OCCASIONE NON E POSSIBILE EFFETTUARE PRENOTAZIONE
Per prenotazioni dei Musei Vaticani in giorni con ingresso regolare CLICCA QUI

Vedi anche:
Musei Vaticani: apertura straordinaria notturna 2018
Ingresso gratuito nei Musei Vaticani: il calendario 2017

Calendario 2018 delle giornate con ingresso libero:
Domenica 28 gennaio 2018
Domenica 25 febbraio 2018
Domenica 25 marzo 2018
Domenica 29 aprile 2018
Domenica 27 maggio 2018
Domenica 24 giugno 2018
Domenica 29 luglio 2018
Domenica 26 agosto 2018
Domenica 30 settembre 2018
Domenica 28 ottobre 2018
Domenica 25 novembre 2018
Domenica 30 dicembre 2018

Come arrivare:

Dalla Stazione Termini
Metro Linea A direzione Battistini, fermate: Ottaviano-Musei Vaticani; Cipro (per entrambe 10 minuti a piedi).

Dall’Aeroporto Leonardo da Vinci (Fiumicino)
Treno Leonardo Express fino alla Stazione Termini e da qui seguire le stesse indicazioni per la metro Linea A.

Dall’Aeroporto di Ciampino
Pullman Terravision fino alla Stazione Termini e da qui seguire le stesse indicazioni per la metro Linea A. La corsa in taxi da entrambi gli aeroporti impiega allincirca 40 minuti.

Metro
Linea A fermate: Ottaviano-S.Pietro-Musei Vaticani; Cipro (per entrambe 10 minuti a piedi).

Bus (fermate)
49, di fronte allingresso dei Musei
32, 81, 982, Piazza del Risorgimento (capolinea) (5 minuti a piedi)
492, 990, Via Leone IV / Via degli Scipioni (5 minuti a piedi).

Tram
19, Piazza del Risorgimento (5 minuti a piedi).

Taxi
Stazione taxi, Viale Vaticano (di fronte ingresso Musei Vaticani).

Automobile
Parcheggi a pagamento in Viale Vaticano e zone limitrofe.

Per prenotazioni dei Musei Vaticani in giorni con ingresso regolare CLICCA QUI

Vedi anche:

Ingresso gratuito ai Musei Vaticani l'ultima domenica del mese: ecco il calendario 2018

Ingresso gratuito ai Musei Vaticani l’ultima domenica del mese: ecco il calendario 2018

San Pietro e via della Conciliazione: nuova illuminazione a LED per il Giubileo

27 Nov

Luci artistiche e a risparmio energetico a San Pietro, in vista del Giubileo.

“Prosegue senza sosta il programma degli interventi stabilito dal Commissario straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca. Completati i lavori per la trasformazione a LED dell’illuminazione di via della Conciliazione, delle fontane di piazza San Pietro, del sagrato e del colonnato del Bernini. Restaurate anche le strutture artistiche in ferro ed ottone dei corpi illuminanti. La nuova luce che illuminerà l’area maggiormente interessata dall’afflusso dei pellegrini per il Giubileo, è stata installata nelle lampade d’epoca e sulle lanterne laterali della via che idealmente ricongiunge Roma alla Città del Vaticano.

Via della Conciliazione fu aperta nel 1937 e terminata nel 1950 con la posa di 28 obelischi che hanno la funzione di lampioni. La larghezza iniziale del grande viale, progettato dagli architetti Piacentini e Spaccarelli, fu ridotta proprio dall’aggiunta della doppia fila di obelischi sormontati da lanterne che con la loro illuminazione creano una atmosfera particolare nella visualizzazione della Basilica Papale.
Oltre a migliorare la visibilità ai fini della sicurezza, la nuova luce accentuerà la bellezza monumentale dell’area e della piazza di San Pietro. E’ noto che i led con toni caldi generano una intensificazione di luce in grado di valorizzare maggiormente i monumenti rendendo più visibili anche i particolari architettonici e artistici meno evidenti.
Ai vantaggi estetici derivanti dalla nuova luminosità dell’area si aggiungeranno sia una notevole riduzione del dispendio energetico, che rilevanti risparmi sulla bolletta dei consumi per l’Amministrazione Capitolina.
L’illuminazione a LED è già attiva sulla cupola della Basilica di San Pietro e su quella di Santa Maria Maggiore ed è stata implementata nel parco Schuster adiacente la Basilica di San Paolo.
Infine, a completamento del progetto luce intorno all’area di San Pietro, sono attualmente in corso di sostituzione i corpi illuminanti di Ponte Sant’Angelo, Ponte Vittorio Emanuele II e Ponte Umberto I”. Così una nota del Campidoglio.

Fonte: Comune di Roma

Vedi anche:

sanpietronuovailluminazione

Presepi, luminarie e alberi di Natale 2015 a Roma

18 Nov

Dove saranno allestiti i presepi, luminarie e alberi di Natale 2015 a Roma:

  • Dove ammirare gli abeti natalizi:

– Piazza San Pietro
– Piazza Venezia
– Piazza del Colosseo
– Largo Goldoni
– Piazza Testaccio
– Piazza dei Cinquecento (ingresso centrale Stazione Termini)

  • Dove ammirare i Presepi:

– Piazza San Pietro (dall’8 dicembre)
– Sale del Bramante in Piazza del Popolo – Mostra “100 Presepi
Museo Tipologico Internazionale del Presepio “Angelo Stefanucci”
Via Tor de’ Conti, 31/A (presso Chiesa dei SS Quirico e Giulitta)
– Museo Nazionale delle Tradizioni Popolari
Piazza G. Marconi, 14
Presepio dei Netturbini romani
Via dei Cavalleggeri, 5
– Rome Marriott Grand Hotel Flora
dal 19 novembre (inaugurazione alle ore 18.00) al 10 gennaio
(Via Vittorio Veneto, 191)
Il Presepe del Re
Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia (Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari)
Presepi d´Italia. Le tradizioni regionali al Quirinale in una mostra gratuita
18, 23, 28 e 29 dicembre 2015
4 e 5 gennaio 2016

  • Dove ammirare le luminarie

– Via dei Condotti (Centro)
– Via del Corso
– Obelisco di Piazza del Popolo
– Via Veneto
– Via Ugo Ojetti (Montesacro)

Fonte: 060608

Programma in continuo aggiornamento

Vedi anche:

L’albero di Natale innalzato in piazza San Pietro, quest’anno, arriva dalla Baviera. Si tratta di un abete rosso a due punte alto  25 metri. E’ un dono dei comuni di Hirschau, Schnaittenbach e Freudenberg. Arriva a Roma nella notte tra il 18 e il 19 novembre.
Alcune delle sfere che lo decorano sono riproduzioni di lavori in argilla creati da bambini in cura presso i reparti oncologici di alcuni ospedali italiani, raffiguranti i loro sogni e desideri. Assieme ai loro genitori, questi bambini «hanno partecipato a un programma di ceramicoterapia ricreativa presso i laboratori ospedalieri permanenti ideati, coordinati e gestiti dalla Fondazione Contessa Lene Thun».
Papa Francesco avrà modo di abbracciare alcuni dei bambini che hanno realizzato le sfere durante l’udienza del 18 dicembre per la presentazione ufficiale dei doni.
Il presepe allestito accanto all’abete è invece una donazione dell’arcidiocesi e della provincia autonoma di Trento in collaborazione con l’Associazione amici del presepio di Tesero. La sacra rappresentazione riproduce le caratteristiche costruzioni rurali trentine. Si compone di 24 figure a grandezza naturale, in legno scolpito e dipinto, e presenta due gruppi principali: la Natività con Maria, Giuseppe e il Bambino al centro della scena e i tre Magi in arrivo per l’adorazione, mentre completano la scenografia alcuni personaggi con abbigliamento tipico dei paesi dolomitici del Trentino della metà Novecento. Una delle figure maschili «è china nell’atto di porgere aiuto a un anziano: una raffigurazione della misericordia».

Presepi, luminarie e alberi di Natale 2015 a Roma

Presepi, luminarie e alberi di Natale 2015 a Roma

Madre Teresa di Calcutta: la santificazione il 4 settembre 2016

2 Nov

Madre Teresa di Calcutta: la santificazione il 4 settembre 2016 a Roma in occasione del Giubileo della Misericordia.
Da mesi circola la voce che sarebbe domenica 4 settembre la data prescelta per la canonizzazione: dal 2 al 4 settembre, infatti, c’è il Giubileo degli Operatori e dei Volontari della Misericordia.

Madre Teresa, all’anagrafe Anjëzë Gonxhe Bojaxhiu, ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 1979, e il 19 ottobre 2003 è stata proclamata beata da papa Giovanni Paolo II.

Vedi anche:

Vaticano in treno: treno delle ville pontificie dal Vaticano a Castel Gandolfo

12 Set

Vaticano in treno: treno delle ville pontificie dal Vaticano a Castel Gandolfo, un accesso privilegiato ai Musei Vaticani, alla Cappella Sistina, ai Giardini Vaticani e alle meraviglie botaniche ed architettoniche della Residenza Pontificia denominata ormai ’secondo Vaticano’. Il ’primo’ e il ’secondo’ Vaticano nuovamente e idealmente riuniti…

Straordinaria attivazione della linea ferroviaria Vaticano-Castel Gandolfo-Albano Laziale per un singolare e suggestivo viaggio che, dall’antica Stazione del più piccolo Stato al mondo, condurrà, grazie alla coincidenza con un trenino turistico, alla scoperta di un inestimabile tesoro artistico, botanico e architettonico.

Con l’eccezionale apertura del Giardino Barberini e del Museo del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo, la Residenza Pontificia si concede al grande pubblico.
I visitatori che prenotano ’Vaticano in Treno’ avranno un accesso privilegiato ai Musei Vaticani, alla Cappella Sistina, ai Giardini Vaticani e alle meraviglie botaniche ed architettoniche della Residenza Pontificia denominata ormai ’secondo Vaticano’.

Novità!
A partire dal mese di Settembre 2015 sarà ancora più facile raggiungere le Ville Pontificie con le nuove proposte che includono il trasferimento in treno di andata e ritorno.
I nuovi percorsi sono offerti anche con prezzi accessibili appositamente predisposti per le famiglie: le tariffe Family.

  • Vaticano Full Day
    La visita consente al visitatore di osservare i Musei Vaticani, la Cappella Sistina, i Giardini Vaticani e i Giardini delle Ville Pontificie.
  • Vaticano Full Day ’Family’
    Tariffa riservata alle famiglie per visitare i Musei Vaticani, la Cappella Sistina, i Giardini Vaticani e i Giardini delle Ville Pontificie.
  • Palazzo di Castel Gandolfo
    La visita offre la possibilità di visitare il Museo del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo partendo in treno dalla stazione FS di Roma San Pietro.
  • Palazzo di Castel Gandolfo ’Family’
    La visita offre alle famiglie la possibilità di visitare il Museo del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo partendo in treno dalla stazione FS di Roma San Pietro.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Vedi anche:

Vaticano in treno: treno delle ville pontificie dal Vaticano a Castel Gandolfo

Vaticano in treno: treno delle ville pontificie dal Vaticano a Castel Gandolfo

L’apertura della Porta Santa nella Basilica di San Pietro per il Giubileo

2 Set

L’apertura della Porta Santa l’8 dicembre 2015 nella Basilica di San Pietro darà inizio al Giubileo della Misericordia, in occasione della solennità dell’Immacolata Concezione.

  • 09:30 apertura della Porta Santa
  • Santa Messa di apertura della Porta Santa della Basilica di San Pietro
  • 12:00 Angelus

MAGGIORI INFORMAZIONI

Il rito più conosciuto del Giubileo è l’apertura della porta santa: si tratta di una porta che viene aperta solo durante l’Anno santo, mentre negli altri anni rimane murata. Hanno una porta santa le quattro basiliche maggiori di Roma: San Pietro, San Giovanni in Laterano, San Paolo fuori le mura e Santa Maria Maggiore. Il rito della porta santa esprime simbolicamente il concetto che, durante il Giubileo, è offerto ai fedeli un percorso straordinario verso la salvezza.

L’inizio ufficiale del Giubileo avviene con l’apertura della porta santa della basilica di San Pietro. Le porte sante delle altre basiliche vengono aperte nei giorni successivi. In passato la porta veniva smurata parzialmente prima della celebrazione, lasciando un diaframma che il Papa rompeva con un martelletto; quindi gli operai completavano la demolizione. In occasione del Giubileo del 2000, invece, il papa Giovanni Paolo II ha introdotto un rito più semplice e immediato: il muro è stato rimosso in anticipo lasciando solo la porta chiusa, che il papa ha aperto spingendo i battenti.
Le porte sante rimangono aperte (a parte la normale chiusura notturna) fino al termine dell’Anno santo, quindi vengono murate di nuovo.

Vedi anche:

La Porta Santa della Basilica di San Pietro, opera dello scultore Vico Consorti

La Porta Santa della Basilica di San Pietro, opera dello scultore Vico Consorti

Servizi turistici per il Giubileo della Misericordia 2016

Itinerari Giubilari: Roma presenta i quattro Cammini per i pellegrini

6 Ago

Itinerari pedonali Giubilari: quattro Cammini in occasione del Giubileo della Misericordia, per guidare pellegrini e turisti nei luoghi di culto a Roma.

Dalla Basilica di San Giovanni in Laterano a Castel Sant’Angelo, da Santa Maria Maggiore a Piazza Navona: sono questi i percorsi dei quattro itinerari giubilari che condurranno fedeli e turisti nei luoghi sacri di Roma. Si chiamano Cammini della Via Papale, Cammino del Pellegrino e Cammino Mariano. La Capitale si prepara così all’avvio della fase operativa per il grande evento del Giubileo della Misericordia. In Campidoglio sono stati illustrati i nuovi progetti dal sindaco Ignazio Marino, dall’assessore ai Lavori Pubblici, Maurizio Pucci, da mons. Liberio Andreatta, vicepresidente dell’Opera romana pellegrinaggi, e dal presidente del Municipio I, Sabrina Alfonsi.

  • Primo e secondo itinerario il “Cammino Papale”: è il percorso seguito per secoli dai Papi dalla Basilica di San Giovanni in Laterano alla Basilica di San Pietro e viceversa, passando attraverso via dei SS. Quattro, il Colosseo, via dei Fori Imperiali e il Carcere Mamertino. Prosegue poi per il Campidoglio fino a Castel Sant’Angelo e quindi San Pietro con due varianti: una che passa da via dei Banchi Nuovi (Chiesa Santa Maria in Vallicella) e l’altra per via dei Coronari (Chiesa San Salvatore in Lauro).
  • Il “Cammino del Pellegrino”: è il terzo itinerario che parte dalla Basilica di San Giovanni in Laterano fino alla Basilica di San Pietro e viceversa, passando per via di San Paolo alla Regola, piazza e chiesa della SS. Trinità dei Pellegrini, via Giulia, San Giovanni dei Fiorentini, Castel Sant’Angelo, San Pietro.
  • Il quarto itinerario è il “Cammino Mariano” che dalla Basilica di Santa Maria Maggiore porta alla Basilica di San Pietro e viceversa, passando per via Urbana, via Madonna ai Monti, via Tor dei Conti e via dei Fori Imperiali, fino al Carcere Mamertino. Da qui si connette con il primo e secondo itinerario nella loro parte comune fino a piazza Navona dove si sdoppiano per confluire alla Basilica di San Pietro.

I quattro percorsi permetteranno di passare accanto alle tre chiese giubilari: San Salvatore in Lauro, Santa Maria in Vallicella (Chiesa Nuova) e San Giovanni Battista dei Fiorentini, dove ci sarà la presenza costante di sacerdoti di varie lingue per le confessioni e l’Adorazione eucaristica.

“Per me è grande piacere poter introdurre questa prima comunicazione delle tante che faremo prima e durante l’Anno Santo”, ha dichiarato il Sindaco. “Da mesi lavoriamo insieme a Vaticano, Vicariato, Governo, Regione per organizzare al meglio un appuntamento così fortemente voluto da Papa Francesco. Nelle riunioni abbiamo condiviso una serie di itinerari, molti che saranno rivelati man mano che il Santo Padre lo riterrà opportuno. Una delle indicazioni principali alla quale ci siamo attenuti è quella di una visione diversa dall’anno giubilare 2000: i pellegrini non dovranno arrivare alle basiliche in pullman ma a piedi, come un vero pellegrinaggio, seguendo dei percorsi pedonali per muoversi da una Basilica all’altra”. Inoltre, ha sottolineato Marino, “ci saranno anche dei percorsi ciclo pedonali”.

Nel corso della presentazione l’assessore ai Lavori pubblici, Maurizio Pucci ha spiegato che i lavori “interesseranno i marciapiedi, che in alcuni punti verranno allargati, gli attraversamenti pedonali, che saranno rifatti, l’installazione di nuovi e moderni elementi che miglioreranno l’arredo urbano e faciliteranno l’orientamento di chi visita Roma. Saranno inoltri realizzati percorsi e scivoli per disabili in modo da eliminare il maggior numero di barriere architettoniche”.
Per la fase operativa è previsto un costo complessivo di 800mila euro.

Fonte: Comune di Roma

Vedi anche:

initerarigiubilari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: